Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2018

Come costruire e diffondere bufale: il caso di Italiani VERI e TG News-24

Bazzicando sui social capita di tanto in tanto di beccare il post o il commento di qualche conoscente o collega che cattura la tua attenzione. A me capita particolarmente quando le news, condivise o commentate, non mi convincono, e così, dall'alto della mia nerditudine, finisco spesso per andare a cercare le fonti. Onestamente, spesso capita che l'accertamento delle fonti porti a dover riconoscere la bontà della notizia, tuttavia non è sempre così. Se poi mi capita di osservare come un gruppo Facebook o su Google+ non faccia altro che condividere e spammare i contenuti di un solo sito, l'associazione fake news/gruppo di propaganda politica diventa abbastanza evidente, soprattutto se le notizie sono di carattere scandalistico o si fondano sulla volontà di credere ad ogni cosa confermi i nostri pregiudizi.
Tanto per non fare nomi, facciamoli.
Per esempio quello del gruppo Facebook Italiani VERI
Il gruppo condivide post e commenti di presunti patrioti contro il rischio islami…

Su Obama o del carisma

Quando qualche giorno fa ho visto su Netflix il nuovo programma di David Letterman non ho potuto fare a meno di essere vinto da due sentimenti, entrambi piacevoli, che hanno però rischiato di fuorviare Il mio giudizio su quanto vedevo. In primo luogo la gioia di rivedere David Letterman su schermo ha in parte mitigato i limiti del format di un programma televisivo molto diverso rispetto a quello a cui il conduttore ci aveva abituato, se vogliamo uno show minimalista.
Soprattutto, lo straordinario carisma di Barack Obama, ospite della prima puntata, rischia di far soprassedere su tutto ciò che non è stato chiesto all'ex presidente degli Stati Uniti, è più in generale, rischia di impedire un sereno e obiettivo giudizio sulla sua presidenza. Da un punto di vista umano il confronto tra Barack Obama e Donald Trump rischia di essere impietoso, vista l'incredibile storia personale e familiare che sta dietro l'elezione del primo presidente di colore degli Stati Uniti, e proprio q…

Leggere fumetti, guardare anime: Nathan Never e Gundam

Come ci si sente a leggere manga o a guardare anime da adulti?
Bene, direi.
Da adulto infatti dovresti avere la capacità di guardare meno al tratto, alla pulizia e alla precisione del disegno, per fare più caso alla narrazione.
Nel mio caso questo significa cercare narrazioni più mature, anche quando si tratti sempre e comunque di "intrattenimento" senza pretesa di divenire letteratura.
Per questo motivo quando posso leggo fumetti (di ogni genere) e guardo anime.
In quest'ultimo periodo in particolare mi sono concentrato su due brand, quello di Gundam fra gli anime e quello di Nathan Never fra i fumetti.
Non starò qui a spiegare la lunghissima storia che sta dietro queste serie che sono ormai pluridecennali. Semmai quello che mi interessa è spiegare cosa trovo di interessante in queste narrazioni.

Partendo da Nathan Never, indubbiamente ciò che più mi affascina è il tentativo di creare un cyberpunk alla italiana (filone per altro ripreso nel sottovalutato Nirvana, film d…