Passa ai contenuti principali

The Summit, Franco Fracassi e Massimo Lauria

The Summit è un documentario di Franco Fracassi e Massimo Lauria uscito nelle sale nel 2012, che esplora i fatti del G8 di Genova del 2001. Il documentario analizza i comportamenti del movimento no global lungo gli anni 80 e gli anni 90, nonché la reazione dei paesi aderenti al G8, via via sempre più aggressiva e volta a delegittimare in movimento antiglobalizzazione. Vengono così messi in luce i forti legami tra i cosiddetti gruppi Black bloc e i movimenti di estrema destra o addirittura le polizie dei diversi paesi, gruppi Black bloc da Non confondere con il resto del Movimento anti globalizzazione, caratterizzato da una variegata cultura di sinistra. Inoltre si analizza il comportamento delle forze dell'ordine durante diversi precedenti al G8, che è parsa sempre rivolta al tentativo di creare un incidente, se possibile mortale, in modo da suscitare paura e indignazione nei confronti del variegato movimento che contestava la globalizzazione nei primi anni 90 e 2000.
Nella successiva analisi dei fatti accaduti durante il G8 di Genova del 2001, emerge come la gran parte degli aderenti al movimento no global si caratterizzassero per il rifiuto della violenza, e come le contestazioni dei gruppi Black Block avessero luogo in momenti e situazioni ben precise, allorchè le forze dell'ordine sembravano disinteressate ad intervenire. Infine il documentario porta alla luce tutte le violazioni dei diritti umani commesse dalla polizia italiana con gli arresti e i fermi alla scuola Diaz e alla caserma di Bolzaneto, mostrando chiare testimonianze e prove delle torture e dei reati commessi dai poliziotti, reati nella gran parte dei casi rimasti impuniti.
La visione di questo documentario, sebbene manchi di un chiaro contraddittorio, è consigliata a chi voglia avere un'idea più informata su quelle che sono state le mire del movimento antiglobalizzazione fino agli anni 2000. In particolare è chiaro come i movimento no global di quegli anni puntasse a una globalizzazione dei diritti, quindi alla libertà di movimento attraverso i paesi e all'estensione dei diritti civili e politici, nonché a un miglioramento generale delle condizioni contrattuali dei lavoratori in tutto il globo, al contrario del movimento no global attuale, o almeno di quello che trova più risalto sui media, sostanzialmente rivolto alla chiusura delle frontiere e ad un protezionismo indiscriminato del lavoro e della produzione.


Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…