Passa ai contenuti principali

Hugh Liebert, Alexander the Great and the History of Globalization

Con il saggio Alexander the Great and the History of Globalization, pubblicato su The Review of Politics, Vol. 73, No. 4 (FALL 2011), pp. 533-560, Cambridge University Press,  Hugh Liebert conduce il lettore attraverso un'attenta disamina dei diversi possibili concetti di globalizzazione, non per forza in contrasto gli uni con gli altri, mettendo in relazione la globalizzazione moderna con quella di epoca ellenistica e con la figura di Alessandro Magno.
In particolare nel saggio viene messo in luce come l'aspetto economico, oggi come ieri, sia solo uno dei parametri attraverso cui possiamo giudicare i fenomeni complessi che riduciamo al nome di globalizzazione; oltre a questa accezione abbiamo la globalizzazione dei valori (si pensi alla diffusione dei diritti umani) e la globalizzazione fondata sull'orgoglio umano, ovvero il desiderio di autoaffermazione e di diffusione della propria identità. In particolare, quest'ultima accezione è quella che spiega, in seno alla globalizzazione, il riaffiorare di forme di nazionalismo o integralismo.
Secondo Liebert tuttavia, accanto a queste accezioni più note e diffuse, dovremmo contemplarne un'altra, quella per cui la globalizzazione si legherebbe ad un'identità personale (e collettiva), intermedia e indeterminata. A sostegno di questa tesi l'autore cita la Vita di Alessandro scritta da Plutarco. Dalla lettura dell'opera emerge il ritratto di un personaggio, Alessandro, fiero della propria origine macedone e regale fino al momento della conoscenza con Aristotele. La conoscenza con il filosofo di Stagira mette in discussione le certezze di Alessandro, che sembra, da questo momento, agire per accreditarsi come degno dei Greci, per cui prova profonda ammirazione. L'azione globalizzante di Alessandro partirebbe quindi da un'identità indeterminata in cerca di determinazione.
Qualcosa di simile accade, nuovamente ad Alessandro, dopo la conquista della Persia, quando nuovamente, giunto alla conoscenza di una civiltà molto diversa dalla sua e da ogni suo sospetto, Alessandro cerca di accreditarsi come degno di questa nuova cultura, assumendone caratteristiche, modi, temi, in un processo sincretistico che troverà un esito solo nella morte del re.
Quello che rimane dell'opera di Alessandro, più che la memoria delle sue battaglie, sono le conseguenze della sua opera globalizzante: lo sviluppo tecnologico d'epoca ellenistica, la nascita di nuovi mercati e di nuove tratte commerciali lungo il Mediterraneo e non solo, la diffusione della lingua e della cultura greca fino ai confini della Cina. Esiti, tutti, ancora oggi alla base della moderna cultura europea.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…

I cambiamenti alla prima prova dell'Esame di Stato sono una resa (e un capo d'accusa)

Il MIUR, con a capo il ministro Bussetti, ha pubblicato finalmente i cambiamenti apportati all'Esame di Stato, cambiamenti largamente anticipati e attesi, ma che ora possono essere realmente commentati nel merito.
Se ci concentriamo in particolare sulla prima prova, ne emergono spontanee delle considerazioni.


Tre cambiamenti colpiscono subito: l'aumento di numero delle tracce di analisi del testo e di quelle di ordine generale, al contrario la riduzione d'importanza del testo argomentativo e, infine, la sparizione del tema storico.
Se l'idea di dare importanza alle competenze legate all'analisi testuale risulta apprezzabile, costringendo, tra l'altro, i docenti di lettere a smettere l'antica pratica, quanto mai deleterea, di spiegare letteratura come un elenco di biografie d'autori accompagnate da qualche lettura antologica, invertendo invece l'ordine dei fattori, la contemporanea crescita delle tracce di ordine generale dà una sinistra indicazione …