Passa ai contenuti principali

Nella scuola secondaria che vorrei





[Casa di Scale, M. C. Escher](https://i.imgur.com/gQ1kuBY.jpg)


Nella scuola secondaria che vorrei:


- scopo della scuola secondaria di secondo grado non dovrebbe essere quello di creare buoni lavoratori, ma di creare buone teste e buoni cittadini, e di conseguenza buoni lavoratori e buoni innovatori;
- la scuola secondaria di secondo grado si dovrebbe prefiggere il totale inserimento degli alunni stranieri e degli alunni diversamente abili nel sistema sociale del paese, così come degli alunni in situazioni di deprivazione economica o in condizioni sociali precarie; 
- la scuola secondaria di secondo grado dovrebbe essere in grado di valorizzare l'eccellenza che è insita in ogni studente; 
- la conoscenza della Costituzione, almeno nei suoi punti fondanti, sarebbe preliminare al conseguimento del diploma di maturità; 
- l'approfondita conoscenza della lingua italiana sarebbe preliminare al conseguimento del diploma di maturità; 
- le discipline e i loro insegnamenti sarebbero organizzati in maniera modulare, e ogni alunno sarebbe chiamato a frequentare un certo numero di moduli che ha scelto fra quelli a sua disposizione ogni anno; 
- per superare l'anno l'alunno dovrebbe aver conseguito valutazioni positive in tutti i moduli frequentati, in caso contrario, non ci sarà passaggio automatico all'anno successivo fino al conseguimento delle valutazioni positive; 
- alcuni moduli delle varie discipline sarebbero obbligatori per tutti, altri, come dei corsi monografici, sarebbero frequentati su base volontaria in base ad una scelta rispetto a quanto offerto dal Piano Triennale dell'Offerta Formativa; 
- Diritto, Filosofia e Storia dell'arte dovrebbero divenire obbligatorie in tutti i licei, istituti tecnici e professionali; 
- l'alternanza scuola-lavoro, lungi dall'essere un mero mandare allo sbaraglio alunni non ancora pronti malgrado i salti mortali compiuti dai docenti, verrebbe proposta esclusivamente su base volontaria e alla fine del percorso di studi, come forma di accompagnamento al mercato del lavoro; 
- ogni studente in alternanza scuola-lavoro dovrebbe essere accompagnato e seguito da un docente, perché solo se è veramente inserita in un percorso di istruzione l'ASL ha senso nella scuola pubblica;
- lo studente in ASL, per le ore in cui dovesse mettere in pratica gli anni di studi, dovrebbe essere retribuito, proprio perché la dignità del lavoro non può essere messa in discussione; 
- il docente che dovrebbe seguire lo studente e dovrebbe creare e ricercare i momenti di formazione all'interno dell'esperienza dello stage, dovrebbe essere lautamente retribuito, proprio perché la dignità del lavoro non può essere messa in discussione; 
- ogni docente dovrebbe accompagnare la sua attività didattica con l'attività di ricerca, pedagogica e disciplinare; 
- il numero di ore di didattica dei singoli docenti dovrebbe quindi ridursi, in favore di una forma di ricerca azione pedagogica; 
- ogni docente dovrebbe essere in grado di spiegare e rendicontare la propria azione didattica, anche attraverso pubblicazioni gestite dalla scuola stessa; 
- lo stipendio dei docenti dovrebbe essere adeguato alla media europea e la crescita degli stipendi dovrebbe essere legata alla crescita dell'inflazione; 
- ogni docente, o almeno i singoli dipartimenti, avrebbero a disposizione degli uffici, in modo che le vetuste Sale insegnanti possano servire solo per dei momenti di incontro e scambio pluridisciplinare;
- ogni scuola dovrebbe essere dotata di aule studio, munite di computer, di connessione veloce, di accesso ai principali portali dedicati all'istruzione e alla formazione; 
- le scuole assomiglierebbero più a dei campus universitari e, per le famiglie che lo richiedessero, dovrebbe essere fornita la possibilità di avere un alloggio temporaneo per gli alunni provenienti da altri paesi;
- i calendari scolastici non sarebbero fissati in base ad esigenze politiche o a tradizioni religiose, ma in base ad esigenze pedagogiche;
- il digitale non dovrebbe essere il fine dell'innovazione didattica, ma strumento di tale innovazione; 
- ogni novità che si volesse apportare alla struttura organizzativa e didattica della scuola pubblica non dovrebbe poter entrare a regime senza un congruo numero di anni di sperimentazione e opportune pubblicazioni sugli esiti positivi o negativi della stessa;

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…

I cambiamenti alla prima prova dell'Esame di Stato sono una resa (e un capo d'accusa)

Il MIUR, con a capo il ministro Bussetti, ha pubblicato finalmente i cambiamenti apportati all'Esame di Stato, cambiamenti largamente anticipati e attesi, ma che ora possono essere realmente commentati nel merito.
Se ci concentriamo in particolare sulla prima prova, ne emergono spontanee delle considerazioni.


Tre cambiamenti colpiscono subito: l'aumento di numero delle tracce di analisi del testo e di quelle di ordine generale, al contrario la riduzione d'importanza del testo argomentativo e, infine, la sparizione del tema storico.
Se l'idea di dare importanza alle competenze legate all'analisi testuale risulta apprezzabile, costringendo, tra l'altro, i docenti di lettere a smettere l'antica pratica, quanto mai deleterea, di spiegare letteratura come un elenco di biografie d'autori accompagnate da qualche lettura antologica, invertendo invece l'ordine dei fattori, la contemporanea crescita delle tracce di ordine generale dà una sinistra indicazione …