Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2015

Metronews, Senza investimenti cresce la dispersione

Per innovare occorre investire: bisogna permettere alle scuole di fare ricerca, come accadeva fino a qualche decennio fa...Posted by La vera scuola gessetti rotti. on Lunedì 19 ottobre 2015

Senza investimenti cresce la dispersione. @sebascuffari per @MetroNewsItalia@tonysaccuccihttp://t.co/UblinXKNS5 — Gessetti Rotti (@gessettirotti) 19 Ottobre 2015

Di Battista, rispondi ad una domanda?

Premesso che non ho alcuna stima per l'on. Andrea Romano, Alessandro Di Battista è riuscito nella difficile impresa di fare sembrare il Pd ex Scelta Civica come un affermato statista. Come? Beh, a Bersaglio Mobile, per esempio, sottraendosi al confronto: incalzato dalle domande dell'onorevole renziano, il golden boy del M5S ha deciso bene di non rispondere nulla e di accusare di disonestà l'avversario. Un segno di debolezza nonché di incapacità nel confronto. Di Battista, grillino della prima ora, si mantiene coerente: già altre volte, anche da questo blog, gli sono state poste domande a cui non ha mai risposto. In questo il giovane grillino non si mostra distante da Renzi e dai suoi

Se avete voglia di ascoltarmi alla radio...L'angolo della scuola, lunedì 19 ottobre, ore 17.30, Radiofree

Allora, dato che non capita tutti i giorni di potermi sentire alla radio, anzi, diciamo che non capita proprio, se qualcuno di voi volesse ascoltare delle riflessioni più o meno intelligenti sulla riforma Giannini e sullo stato della scuola pubblica italiana, l'appuntamento è per giorno 19 ottobre alle 17.30 su Radriofree, ovviamente con la conduzione di Massimo Emanuelli​.

Ecco il link all'evento su Facebook

Questo l'annuncio del programma

Da lunedì 19 ottobre alle 17,30 su www.radiofree.it ospiti de L’ANGOLO DELLA SCUOLA rappresentanti dell’Associazione Gessetti Rotti. Il primo sarà il prof. Sebastiano Cuffari, quindi Lucia Taverna (avvocato, giurista ed assistente parlamentare). L’ANGOLO DELLA SCUOLA è il primo (e si pensa unico) programma interamente dedicato al mondo della scuola. Nato nel 1995 su una radio locale di Milano per iniziativa dell’insegnante e giornalista milanese Massimo Emanuelli, in occasione del ventennale della trasmissione Emanuelli, oltre agli …

Si possono davvero valutare gli insegnanti?

La valutazione degli insegnanti: tema complesso, con implicazioni sociologiche, economiche, politiche e, non dimentichiamolo, didattiche. Al riguardo in molti parlano e spesso straparlano. Per questo preme segnalare l'intervista di Metronews ad un collega di Gessetti Rotti, Cristiano Corsini, docimologo presso l'Università degli Studi di Catania, in occasione della pubblicazione del suo libro Valutare scuole e docenti. Un'indagine sul punto di vista di chi insegna. Per leggere l'intervista, basta seguire il lancio su Facebook o su Twitter in basso Intervista a Cristiano Corsini dei Gessetti Rotti. "La valutazione migliora tanto l’apprendimento quanto l’insegnamento...Posted by La vera scuola gessetti rotti. on Lunedì 12 ottobre 2015 @MetroNewsItalia intervista Cristiano Corsini. Si possono davvero valutare gli insegnanti? http://t.co/La4JhNol20pic.twitter.com/6g2ntxhui6— Gessetti Rotti (@gessettirotti) 12 Ottobre 2015

I 500 euro a chi andranno in pasto? Chi controlla? Sebastiano Cuffari su MetroNewsItalia

Sarà obbligatorio spendere i 500 euro per corsi di formazione?http://metronews.it/15/09/27/i-500-euro-pasto-agli-enti-di-formazione.htmlPosted by La vera scuola gessetti rotti. on Martedì 29 settembre 2015 I 500 euro a chi andranno in pasto? Chi controlla? @sebascuffari su @MetroNewsItaliahttp://t.co/RPthau8xrHpic.twitter.com/EP8nkSBF8x— Gessetti Rotti (@gessettirotti) 29 Settembre 2015

Cosa l'evoluzione può insegnare ad un uomo di lettere

foto: struttura anatomica delle ginoccha di un uomo (palexstudio.it); struttura anatomica delle ginocchia di un cane (paperblog.com)

L'anatomia delle ginocchia di un uomo ci dice tante cose sull'evoluzione della nostra specie. In primis ci dice una cosa che sappiamo bene ma che tendiamo a voler ignorare appena se ne presti l'occasione: siamo fragili. Ad essere precisi, siamo fragilissimi, per il semplice motivo che, tutto sommato, non siamo quella macchina perfetta che nei millenni ci siamo raccontati. In  effetti, tutto ciò che rende le nostre ginocchia ad un tempo funzionali e fragili è l'eredità del nostro millenario passato. Se infatti provassimo a comparare la struttura delle nostra ginocchia alla struttura delle ginocchia di un cane, scopriremmo che, al di là delle sommarie differenze dovute all'adattamento all'andatura bipede, cani e uomini, sotto questo punto di vista, sono sorprendentemente simili. Le nostre ginocchia sono fatte di materiale di riuso: u…

Dagli al lavoratore, dagli al dissidente

Giudicare un'epoca nel mentre la si vive risulta sempre un atto cognitivo piuttosto complicato a causa della vicinanza, cronologica e sentimentale che non permettono la minima distanza critica. Tuttavia, la percezione ragionata del contemporaneo dell'epoca che vive può risultare utile ai posteri per comprendere meglio ciò che determinati cambiamenti hanno rappresentato per la percezione condivisa delle persone che li hanno vissuti.
Se c'è qualcosa che sta caratterizzando gli ultimi anni della politica e dell'azione di governo in Italia, questo è probabilmente un tentativo di cambiamento del paradigma sociologico/culturale. Starà ai posteri stabilire se il tentativo sia solo apparente o reale, ma qui invece tocca discutere in che cosa consista questo tentativo.
Sfogliando i giornali, guardando gli spettacoli televisivi, assistendo alle discussioni pubbliche, il motto dei politici di ogni campo o schieramento è stato quello della rottamazione. Rottamazione di uomini, sch…