Passa ai contenuti principali

La scuola non più libera sarà il cadavere fumante della prossima generazione

La scuola non più libera sarà il cadavere fumante della prossima generazione.

(Questo articolo doveva originariamente essere pubblicato su Metronews, ma l'accelerazione sulla fiducia posta dal governo Renzi ne ha fatto saltare la pubblicazione)


foto: Il Giorno


Uno degli insegnamenti dell'antropologia è la scoperta che la trasmissione delle caratteristiche di una specie non avviene solo tramite i geni, ma anche per via culturale. In parole spicce, i geni ci danno un'impronta, che si trasmette di padre in figlio, ma su quell'impronta agiamo attraverso l'istruzione, la modelliamo al punto che, nel corso delle generazioni, i cambiamenti all'impronta diverranno parte di noi. Una delle specificità della nostra specie, poi, sta nel fatto che la trasmissione culturale è diffusa, non avviene solo dai genitori verso i figli. Noi, letteralmente, siamo fatti per imparare, e più è codificato e libero il nostro sistema d'istruzione, più chance abbiamo. È la terza volta che lo dico su questo giornale: la scuola è vita, e tutti i saperi, persino quelli degli economisti che la dileggiano, sono suoi strumenti.
Ora pensate all'intervento di Leonardo Muraro sui migranti: ecco, con una scuola sempre più legata alle aziende, al territorio, alla politichetta, un uomo come Muraro avrà sempre più voce in capitolo sul cosa e sul come si insegna. Perché, con l'autonomia, il Dirigente cercherà fondi da questo o da quel privato, da questa o da quella fondazione, da questo o da quel politico. E qualcosa dovrà dare in cambio: una cosa sola ha dare in cambio la scuola, la libertà di insegnare. Lo strumento, la possibilità di assumere o licenziare insegnanti. Certe cose non si dovranno insegnare. Via l'integrazione, via la parità delle culture e dei sessi, via l'educazione sessuale. La scuola non più libera sarà il cadavere fumante della prossima generazione.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…