Passa ai contenuti principali

Un romanzetto canaglia, Roberto Bolano

Un romanzetto canaglia è un romanzo di Roberto Bolano, pubblicato in Italia da Sellerio. Si tratta di un'opera delicatissima, malgrado le apparenze. In una Roma che è tale solo di nome, una coppia di fratelli orfani scopre l'enormità della solitudine e della difficoltà di vivere da esclusi all'interno della società. Ai due fratelli si unisce ben presto un'altra coppia di senza patria, un bolognese e un libico, educatissimi quanto delinquenti, che insieme ai due fratelli iniziano a progettare la rapina dei beni di un anziano attore, gloria del cinema romano del passato, Maciste. La protagonista, nel macchinare la truffa, ben presto si affeziona all'attore: ma tutti i personaggi si muovono in una sfera di rapporti tanto formalmente corretti, malgrado le libertà sessuali che si concedono, quanto sentimentalmente vacui. Non esiste un vero rapporto, nessuna comunanza dei sensi, se non, e solo entro certi limiti, tra i due fratelli. Ed è per questo che il romanzo raggiunge la sua conclusione in un sostanziale nulla di fatto. Dicevamo che la Roma di Bolano è tale solo di nome: fra le sue strade, la sua metrò, i suoi negozi, le sue case, qualsiasi lettore può ritrovare qualsiasi città. Anche il contesto temporale è vago: intuiamo che si tratti degli anni 90 da qualche accenno, ma la vicenda potrebbe svolgersi in qualsiasi anno dal dopoguerra in poi, e per lungo tempo rimaniamo in dubbio sul reale contesto storico. Anche questa volta Bolano si mostra maestro nel rappresentare il mondo degli esclusi, non per forza e solamente il mondo dei poveri in canna, bensì il mondo di chi non ha, almeno in apparenza, nulla a che spartire con l'universo che lo circonda, sempre in cerca di qualcosa che dia un senso alle sue lacrime, immerso in una notte in cui di da solo riesce a vedere come alla luce del giorno.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

La comunicazione linguistica

La frase semplice in italiano (grammatica valenziale)