Passa ai contenuti principali

Strategie di comprensione nell'apprendimento dal testo scritto, Maurizio Gentile

Ho finalmente avuto modo di leggere il recente lavoro di Maurizio Gentile; la sua disamina delle diverse strategie per migliorare la comprensione del testo scritto dovrebbe essere argomento di riflessione per ogni docente, i suoi consigli dovrebbero entrare nel kit degli strumenti del mestiere di ogni buon insegnate. Una lettura sintetica, efficace, consigliata.
Nel 2014, il 17,8% di quindicenni scolarizzati dell’UNIONE EUROPEA aveva un grado di competenza di lettura sotto il livello uno della scala di valutazione OCSE-PISA. In ITALIA, tale percentuale era pari al 19,5%. Entrambe le percentuali sono al di sopra dell’obiettivo UE: ridurre la quota dei lettori più deboli al di sotto del 15% entro il 2020.

Nel 2016, in base a quanto rilevato dall’indagine OCSE- PISA, l’ITALIA si posizionava significativamente sotto la media internazionale con un punteggio pari a 485. Questo risultato collocava il paese tra il 29° e il 37° posto nella lista di tutte le nazioni partecipanti all’indagine, e tra il 23° e il 28° posto circoscrivendo il confronto ai soli 34 paesi OCSE.

È evidente che nelle scuole italiane esiste una larga percentuale di “lettori inadeguati” che non capisce ciò che legge, che vive la comprensione della lettura come un ostacolo alla riuscita scolastica, all’espressione di sé, al proprio senso di responsabilità.

Su questo tema è da poco uscito un mio lavoro, pubblicato dalla rivista Form@re. L'articolo affronta l'insegnamento delle strategie di comprensione della lettura nel quadro più ampio del processo di apprendimento da testo scritto. L’insegnamento diretto di tali strategie riguarda sia alunni di primo e secondo ciclo. 

Qui il link:
http://www.fupress.net/index.php/formare/article/view/20535

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…