Passa ai contenuti principali

È finita: considerazioni di fine anno scolastico

Anche quest'anno scolastico se n'è andato: sembra ieri quando ho iniziato ad insegnare alle mie prime due classi, una quarta e una quinta ginnasio, e oggi, ancora ogni tanto riesco a tenermi in contatto con quei ragazzi, quelli più grandi di loro stanno ultimando l'esame di maturità. Insomma, gli anni passano.
L'esperienza di quest'anno è stata toccante: mi sono trovato a dover affrontare situazioni che non m'erano mai capitate, forme di disagio complesse e intelligenze fini, anche se ancora spesso acerbe, vista l'età dei miei alunni (scuola media) da coltivare. Anche quest'anno ho imparato più io dai miei alunni e dai miei colleghi rispetto a quanto ho potuto insegnare.
Certo, fosse per me abolirei gli esami, li trovo spesso inutili e fuorvianti, ma vabbè, la scuola è anche questa.
Mi avrebbe fatto piacere poter usare di più gli strumenti digitali, magari esplorare la rete con i miei alunni, visto che spesso ne sono in balia, ma non c'è stato verso: speriamo nell'anno prossimo.
Mi rimane il fatto che ho potuto insegnare tanta storia e tanto italiano e, se qualche volta è rimasto qualcosa di queste discipline a chi proprio non ne voleva sapere, allora forse male male non ho fatto.
E mi rimangono le immagini dei miei alunni, del loro terrore agli esami, delle stupidate dette e fatte in classe e in gita, delle loro insicurezze, apprensioni e certezze in classe, delle belle discussioni fatte, delle lezioni in cui, caso strano, pendevano dalle mie labbra e di quelle in cui insegnare era una lotta contro i mulini al vento.
Insomma, i gran bei ricordi dell'insegnamento


Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…