Passa ai contenuti principali

Beppe Grillo plagia TED e questo è il minore dei problemi

Mi sono andato a leggere il post di Beppe Grillo sulla sostituzione del sistema elettivo con il sorteggio (link: http://www.beppegrillo.it/il-piu-grande-inganno-della-politica-e-farci-credere-che-servano-politici/ ). Per carità, interessante, se non fosse che si tratta di un plagio. Infatti il buon Beppe ha preso un  video pubblicato su Ted il giorno precedente alla  pubblicazione del suo post e l'ha tradotto, spacciando per sue le idee altrui (link: https://youtu.be/cUee1I69nFs). In merito poi alla proposta, non mi dilungo tanto: comparare la democrazia antica fondata sul sorteggio in comunità di non più di 50/60.000 cittadini con democrazie moderne da milioni di abitanti è come voler mettere a paragone balene e scimpanzé perché tanto sempre mammiferi sono; lo puoi fare, ma fino ad un certo punto. Due passaggi mi risultano interessanti: nel primo si sostiene che la volontà di rappresentanti così scelti rappresenterebbe più della somma delle singole volontà, e in questo a chiare lettere si rilegge Rousseau e la sua idea che la volontà della maggioranza sia di per sé la volontà dell'intera nazione e che, proprio per questo, sia automaticamente esclusa l'idea di una possibile opposizione; in un secondo passaggio si sostiene che le persone, poste di fronte ad una responsabilità, iniziano a comportarsi responsabilmente. Questo assunto mi sembra logicamente infondato e pretenzioso, assumendo la struttura dell'errore logico per cui un'asserzione si autodimostra vera senza bisogno di reale dimostrazione (come dire "è così perché è così).  In ogni caso le ragioni che dovrebbero spingere alla scelta del sistema selettivo per sorteggio appaiono, nel video come nel post, largamente fondate sull'emotività anziché sulla ragione ("i politici non fanno davvero il nostro bene", "la democrazia non funziona", "si stava meglio quando si stava peggio"), insomma il vasto campionario di reazioni facilmente ottenibili attraverso la manipolazione della realtà grazie alla distorsione del sistema di diffusione delle informazioni. In secondo luogo l'atteggiamento nei confronti del sorteggio risulta semplificatorio, non tenendo conto di note distorsioni cognitive che, pur riguardando i singoli, nel momento in cui gli stessi singoli fossero posti nelle condizioni di scegliere per la collettività, riguarderebbero tutti: penso alla questione della diffusione dell'analfabetismo funzionale fra gli adulti (che riguarda almeno il 40% delle persone dai 25 anni in su) e l'effetto Dunning-Kruger per cui l'ignorante più è tale più non sa di esserlo (cosa che già Socrate deprecava come distorsione della democrazia antica ancora 2500 anni fa circa).

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…