Passa ai contenuti principali

Il momento in cui siamo diventati uomini moderni


Il grafico in alto mostra l'andamento del popolamento mondiale negli ultimi duemila anni. Osservandolo bene risulta abbastanza evidente come, almeno fino, più o meno, al 1250 d. C., le "regole del gioco" demografico fossero abbastanza stabili e, apparentemente, immodificabili. Sostanzialmente, nell'ambito di una mortalità molto alta e di una aspettativa di vita molto bassa, la società si divideva in due modelli base, anche se poi declinabili con mille sfaccettature, quelli del popolamento basato su società agricole e quelli del popolamento basato su società nomadi. La maggioranza della popolazione viveva così lavorando i campi, all'interno di tre aree che costituivano i principali poli di attrazione, l'Europa mediterranea e occidentale, il subcontinente indiano e la Cina; a quest'ultima in particolare spettava, in maniera schiacciante almeno a partire dall'anno mille, il primato demografico.
Tra XIII e XIV secolo le cose iniziarono gradualmente a cambiare, anche se ciò avvenne con battute d'arresto molto forti, come quella che colpì l'Europa occidentale dopo il 1300: più realisticamente però, il momento in cui, almeno da un punto di vista demografico, le cose sono realmente cambiate va cercato più in là nel tempo, precisamente nel XVIII secolo d. C.
Se guardiamo alla storia demografica fino al XVIII secolo, le teorie di Thomas R. Malthus possono avere un qualche fondamento. Lo studioso teorizzava che ci fosse una disparità esponenziale tra crescita demografica e crescita della produzione, squilibrio che non può non portare alla crisi e al successivo riequilibrio del sistema, che si realizza in un drastico e rapido crollo demografico. Questa teoria funziona benissimo per i sistemi di produzione e più in generale per le società tradizionali, ma dal 1700 in poi semplicemente le cose cambiano.
Dal 1700 circa (ovviamente parliamo di datazioni indicative), la crescita della popolazione mondiale, per quanto si tratti di un aumento della popolazione mai visto prima, è ridotto rispetto alla crescita della produzione, grazie all'avvento delle nuove tecnologie, soprattutto, sempre in sviluppo, del sistema industriale, grazie inoltre alle nuove conoscenze scientifiche, in primis le moderne cure mediche, e ai conseguenti cambiamenti nelle abitudini e nel modo di vivere.
Per essere più precisi, se prima del '700 e delle sue rivoluzioni culturali ed economiche il sistema di produzione appariva un sistema chiuso, da questo momento parliamo di un sistema aperto, in cui il continuo immettersi di nuove tecnologie e conoscenze rompe gli argini dei limiti malthusiani, confutandone le tesi.
È quindi superfluo dire che il tentativo di continuare ad adoperare le teorie malthusiane appare, senza opportune e poderose correzioni, inutile.
In ultima analisi, se dovessimo tentare di definire quando e in che modo siamo diventati uomini moderni, è al '700 che occorre osservare, e riconoscere che, se si guarda alla storia del lungo periodo, è quello il momento in cui abbiamo abbandonato la società tradizionale per diventare qualcosa di diverso (per lo stesso motivo, ogni tentativo di richiamarsi alla società tradizionale, alla lettera, è un tentativo di tornare ad un'età premoderna, cosa di cui andrebbero spiegate nel dettaglio le conseguenze).

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…

I cambiamenti alla prima prova dell'Esame di Stato sono una resa (e un capo d'accusa)

Il MIUR, con a capo il ministro Bussetti, ha pubblicato finalmente i cambiamenti apportati all'Esame di Stato, cambiamenti largamente anticipati e attesi, ma che ora possono essere realmente commentati nel merito.
Se ci concentriamo in particolare sulla prima prova, ne emergono spontanee delle considerazioni.


Tre cambiamenti colpiscono subito: l'aumento di numero delle tracce di analisi del testo e di quelle di ordine generale, al contrario la riduzione d'importanza del testo argomentativo e, infine, la sparizione del tema storico.
Se l'idea di dare importanza alle competenze legate all'analisi testuale risulta apprezzabile, costringendo, tra l'altro, i docenti di lettere a smettere l'antica pratica, quanto mai deleterea, di spiegare letteratura come un elenco di biografie d'autori accompagnate da qualche lettura antologica, invertendo invece l'ordine dei fattori, la contemporanea crescita delle tracce di ordine generale dà una sinistra indicazione …