Passa ai contenuti principali

Dodici tesi per la sinistra

Il diritto alla proprietà privata è un portato culturale, non naturale, come tutto ciò che riguarda l'organizzazione sociale dell'uomo. Non esiste in natura, non è conosciuto​ fra gli altri animali, neanche fra quelli più vicini all'uomo quali i primati.

Se la proprietà privata non è un diritto naturale, ma espressione culturale, la sua difesa non può travalicare i diritti umani sanciti dalla condizione stessa di esseri umani.

L'uomo migra da ben prima che il diritto alla proprietà privata sancisca confini, individuali o comunitari.

L'uomo migra per sua natura per cercare condizioni di vita favorevoli, sicché la mobilità, prima del diritto alla proprietà, è un diritto legato alla condizione di esseri umani.

La difesa della proprietà e dei confini, materiali o immateriali, non può prevedere la discriminazione di esseri umani in quanto tali sulla base di concetti legati alla proprietà, come identità, nazione, etnia, ceto.

Anche lì dove l'organizzazione sociale di una comunità preveda i postulati della proprietà privata, come classi sociali, tassazione fondata sulla proprietà, cittadinanza legata a motivi identitari, uso della violenza controllata per la difesa della proprietà e dei confini, i diritti umani hanno su questi postulati la precedenza.

Diritto umano insindacabile è il diritto alla felicità come piena realizzazione dell'uomo in quanto tale.

Il lavoro è strumento per il raggiungimento della felicità di cui sopra, per tanto lo Stato deve favorire ogni occasione che permetta a ciascun individuo la piena occupazione e l'emergere delle proprie capacità fisiche, intellettuali e morali.

L'uomo per sua natura sfrutta l'ambiente circostante, l'ambientalismo è strumento per una migliore condizione di vita, non è esso stesso un fine.

È obbligo della comunità organizzata fornire gli strumenti per la piena realizzazione di tutti gli uomini, compresi servizi sanitari, assistenza sociale, istruzione di ogni livello.

Cultura e religione sono espressioni dell'essere umano, per tanto spetta alla comunità difendere e promuovere tutte le forme di espressione artistica e religiosa, senza censure se non lì dove tali espressioni configurino esse stesse una violazione dei diritti umani.

Il sentimento è al contempo espressione della natura e delle culture dell'uomo, pertanto lo Stato deve difendere e promuovere parimenti ogni forma di espressione del sentimento e dell'affettività, nei limiti dei diritti legati alla condizione stessa dell'essere umano.


Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…