Passa ai contenuti principali

Neuromante, William Gibson

Foto: Amazon Se si parla di cyberpunk, uno dei libri che meglio può caratterizzare il genere è Neuromante (Neuromancer) di WIlliam Gibson. Il romanzo avvince grazie alla sua struttura apparentemente lineare a dei personaggi con cui si entra facilmente in sintonia. Case, il protagonista, ha provato l'esaltazione del sentirsi quasi onnipotente, per scoprire poi come in realtà la sua vita diepnda dalle macchine e dall'abuso nelle connessioni. L'altro carattere principale, Molly, è ormai più un arma semovente che un uomo. Ermitage poi è un folle il cui cervello è stato divorato dalle macchine e dalle aziende che ne hanno sfruttato a loro piacimento l'esistenza.
Mentre questi personaggi rincorrono il mistero dell'apparizione di due intelligenze artificiali ormai quasi dotate di coscienza, Invernomuto e, a dare titolo all'opera, Neuromante, il lettore viaggia attraverso le vie di metropoli ormai irriconoscibili, eppure descritte in maniera così minuziosa da farle apparire reali, fino a viaggiare oltre l'atmosfera terrestre, verso i nuovi mondi che si immaginano colonizzati dalla nostra specie. Gli ambienti prendono vita grazie alla ricchissima dotazione retorica del romanzo, in particolare Gibson abbonda di similitudini e metafore. Proprio queste similitudini alimentano la sensazione di straniamento di un mondo e di personaggi che, sotto il perenne effetto allucinogeno di sostante psicotrope e di connessioni neurali, non sanno mai davvero se sono reali oppure no.
Neuromante anticipa e predice tanto di quello che sarà il futuro: l'iperconnessione della povera gente, le desolanti periferie delle metropoli, la babele dei quartieri sorti accanto alle grandi vie di comunicazione, lo strapotere delle multinazionali. Si può anzi dire che se esiste un genere che anticipa il futuro, questo è il cyberpunk.
Nuromante è considerato uno dei capolavori del tardo Novecento e la sua influenza è stata enorme, proprio mentre il successo del genere tendeva a scemare.
Eppure Neuromante, grazie al carisma e al genio del suo autore, rimane ben scolpito nella mente dei suoi lettori e rimane un acquisto appropriato per ogni amante del genere, e non solo.


Gibson, William. Neuromante. Milano: Oscar Mondadori, 2015. Print


Posta un commento

Post popolari in questo blog

La comunicazione linguistica