Passa ai contenuti principali

I dolori del giovane Werther, Johann Wolfgang Goethe

Foto: Wikipedia


I dolori del giovane Werther, pubblicati nel 1774 da Johann Wolfgang Goethe, hanno rappresentato per diverse generazioni l'esempio della vita attraversata sotto il segno della passione. Werther infatti brucia la sua vita sotto le insegne dell'amore per Lotte, sposata con Albert, e il fastidio per ogni impegno e attività che appartengano alla normalità borghese.

Lungi dal poter redigere una vera e propria recensione dell'opera, quello che più mi ha colpito alla lettura del romanzo è la ricca dotazione retorica. Brani, a volte anche molto lunghi, in cui il linguaggio di Werther sfida la pazienza del lettore contemporaneo con tirate artificiosa

mente costruite, costruzioni ellittiche o, al contrario, periodi simmetricamente costruiti per richiamarsi nel corso dei paragrafi, scelte lessicali dal gusto poetico. Tutto ciò oggi appare lontano dal gusto del lettore medio, lo stesso che, secoli fa, garantì il successo dell'opera. Eppure, siamo davvero sicuri che questo uso linguistico rappresenti e sintetizzi il pensiero linguistico di Goethe?

In realtà, nella sottile ironia della vicenda, dove in fin dei conti l'unica vera vittima è il marito Albert, nel'incomparabile asocialità di Werther, uomo sociale solo per rubare scampoli di vita ai suoi simili, nella sua capacità di impegno, non solo nei lavori socialmente riconosciuti, ma nella stessa arte che l'aveva spinto alla partenza, leggiamo in filigrana un certo distacco dell'autore dal suo personaggio.

Cert, lo Sturm Und Drang, certo, il titanismo di Werther. Eppure quella miserevole compassione per il proprio personaggio che sarà, per esempio, di Foscolo per il suo Ortis, qui è sempre filtrata dalla consapevolezza che, in fin dei conti, per Goethe il suo Werther è poco più che un fallito: un fallito ardimentoso, capace di grandi sentimenti, ma un fallito.

In questa sua capacità di distacco da Werther, Goethe, nel momento in cui si fa padre fondatore dello Sturm Und Drang, ne prende implicitamente le distanze, già diretto, forse inconsapevolmente, verso i lidi del classicismo moderno.

Goethe, Johann Wolfgang., Giuliano Baioni, and Stefania Sbarra. Die Leiden Des Jungen Werther = I Dolori Del Giovane Werther. Torino: Einaudi, 2014. Print


Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…