Passa ai contenuti principali

Il gaucho insostenibile, Roberto Bolaño

Credit dell'immagine: Sellerio.it Il gaucho insostenibile è un bel volume scritto da Roberto Bolaño, autore cileno già altre volte recensito su questo blog. Il volume contiene cinque racconti e i testi preparati per la partecipazione a due conferenze.
I cinque racconti, in particolare il racconto che dà il titolo al volume e Il poliziotto dei topi, risultano particolarmente interessanti per la capacità dell'autore di mostrare attraverso situazioni assurde e paradossali, al limite della distopia, contraddizioni e non detti della società contemporanea. Ne Il poliziotto dei topi il protagonista si trova a dover indagare su dei fatti di sangue su cui è chiara la volontà politica di mantenere il segreto per evitare il turbamento della società, dirottando le indagini verso una soluzione di comodo che vede nel diverso e nello straniero il colpevole obbligato. In Il gaucho insostenibile un facoltoso giudice di Buenos Aires, caduto in disgrazia a causa della crisi economica, decide di ritirarsi nella pampa dove impara a vivere di poco, la caccia ai conigli, e a convivere con persone apparentemente del tutto apatiche e prive di ogni interesse o spirito di iniziativa. Il confronto tra questa società e quella che si è lasciato dietro, rappresentata dalle visite del figlio artista, è tuttavia drammatico, fino alla soluzione finale che non può non essere violenta e che conduce il protagonista alla fuga definitiva dal proprio passato.
Fra i racconti va anche menzionato Il viaggio di Alvaro Rousselot, promessa della letteratura argentina che scopre in un cineasta francese suo plagiario l'unica persona capace di leggere e interpretare correttamente i propri testi, tanto da rimanere deluso nel vedere come ad un certo punto i film del cineasta non basino più i loro plot sulle trame dei propri romanzi. Ne segue un viaggio in Europa e la scoperta della vanità del proprio essere e finanche della letteratura.

In questo volume sono poi molto interessanti i testi per le conferenze a cui Bolaño ha preso parte per i giudizi critici che l'autore emette nei confronti della letteratura contemporanea. I giudizi sono, come è ipotizzabile per chi conosce Bolaño, molto taglienti, sia verso i colleghi che verso il pubblico. Ne viene fuori una società letteraria incapace di impegno, di sacrificio, interessata soltanto a costruire di se stessa una certa immagine e reputazione sociale; scadente è allo stesso tempo il pubblico, ammaestrato e assuefatto ad ogni tipo di prodotto letterario, senza spirito critico. Se è lecito un commento personale a questi giudizi, pur provenendo da un autore che, in un certo qual modo, in quest'ultima fase della sua produzione sembra non cogliere il passaggio storico e letterario dovuto agli ultimi colpi di coda del Postmodernismo (o non volercisi adattare), nella cosiddetta epoca della postverità e, soprattutto, in un momento in cui l'assenza di spirito critico è uno dei temi di rilevanza internazionale, il giudizio di Bolaño appare quanto mai fondato e meritevole di approfondimento.

Bolaño, Roberto, and Maria Nicola. Il Gaucho Insostenibile. Palermo: Sellerio, 2006. Print.


Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…

I cambiamenti alla prima prova dell'Esame di Stato sono una resa (e un capo d'accusa)

Il MIUR, con a capo il ministro Bussetti, ha pubblicato finalmente i cambiamenti apportati all'Esame di Stato, cambiamenti largamente anticipati e attesi, ma che ora possono essere realmente commentati nel merito.
Se ci concentriamo in particolare sulla prima prova, ne emergono spontanee delle considerazioni.


Tre cambiamenti colpiscono subito: l'aumento di numero delle tracce di analisi del testo e di quelle di ordine generale, al contrario la riduzione d'importanza del testo argomentativo e, infine, la sparizione del tema storico.
Se l'idea di dare importanza alle competenze legate all'analisi testuale risulta apprezzabile, costringendo, tra l'altro, i docenti di lettere a smettere l'antica pratica, quanto mai deleterea, di spiegare letteratura come un elenco di biografie d'autori accompagnate da qualche lettura antologica, invertendo invece l'ordine dei fattori, la contemporanea crescita delle tracce di ordine generale dà una sinistra indicazione …