Passa ai contenuti principali

Tristano muore, Antonio Tabucchi

immagine: Feltrinelli editore

Tristano vuole raccontare una storia, prima di morire, al suo "scrittore". È, o dovrebbe essere, la storia della sua vita. Ma della storia di Tristano, eroe partigiano, non compaiono che frammenti, dello stesso Tristano non conosciamo che pochi cenni biografici; persino il suo interlocutore p una figura evanescente: scrittore non ha un nome, non ha una sua vita, una sua parola.
Tabucchi accompagna il lettore attraverso il soliloquio di Tristano, nel continuo inseguirsi di scene di cui a poco a poco vengono approfonditi i dettagli: è nei dettagli, infatti, che Tristano trova l'importanza della sua storia, non nella storia in sé. Così mentre la cancrena gli rosicchia a poco a poco una gamba e la vita, le ore si accavallano, senza un ordine. Lo scorrere stesso delle giornate perde la sua oggettività e segue la semplice percezione del vecchio e malato, sempre più debilitato e incosciente, fino alla sua morte. Alle ore che si dipanano si accostano le apparizioni di diverse figure, in primis la Frau, sempre accanto a Tristano, pronta ad alleviarne le sofferenze con la sua presenza austera e le sue poesie in tedesco, o Rosmunda, americana piombata nella vita di Tristano, pronta a sconvolgerla senza mai entrarci davvero; il capitano, coprotagonista involontario (e vittima) dell'atto che porterà Tristano all'essere un eroe; Daphne, infine, l'amore greco di Tristano, la donna che lo conduce, per pochi attimi e in una passione che è solo platonica, in altri mondi e tempi, nel mito della classicità, lui che invece vive nel mondo di Hemingway e deve assistere, impotente, alla nascita della contemporaneità e della sua crisi di senso.
Tristano muore è opera postmoderna, combinatoria, sferzante verso il mondo e i suoi non sensi, alta. Tristano muore, sottotitolato una vita, non racconta una vita, perché la vita non si può raccontare, si può solo vivere; perché il paradosso non è, nell'Universo, la morte, il non esserci; il paradosso è l'esserci, e nulla meglio delle parole, che mentre ci sono già non ci sono più, può rappresentare questo non senso.
Con questo turbinio di immagini, il mescolarsi di sogno e realtà, di percezione e oggettività, di senso e non senso, Tabucchi riavvicina il suo lettore alla Letteratura con la L maiuscola, pretendendo da questi attenzione, anche solo per scoprire che il suo tempo non va sprecato.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

La comunicazione linguistica

La frase semplice in italiano (grammatica valenziale)