Passa ai contenuti principali

Fedor Dostoevskij, Le notti bianche



Le notti bianche è un romanzo breve di Fedor Dostoevskij, pubblicato nel 1848. Si tratta quindi di un'opera giovanile di Dostoevskij. Il romanzo racconta le vicende di un protagonista, di cui non conosciamo il nome, ambientate a San Pietroburgo. Il giovane, un solitario sognatore, si imbatte per caso di notte in una ragazza che, camminando per strada, sta per essere importunata da un uomo. La ragazza, Nasten'ka, si intrattiene così per quattro notti chiacchierando con il protagonista per le strade della città, illuminate, come capita nei pressi del circolo polare artico, dalla luce del crepuscolo per l'intera durata della nottata. Il protagonista, incapace di vivere realmente nella società intorno a lui, confida di non avere mai avuto una donna, e immediatamente nasce in lui l'amore per Nasten'ka. Ma la ragazza confida di attendere ormai da un anno il ritorno dell'uomo che ama e che, anzi, l'uomo si trova proprio in quei giorni in città. Così Nasten'ka convince il protagonista a farsi complice del suo amore, recapitando una lettera all'uomo amato per ricordargli la promessa d'amore fatta alla ragazza ormai un anno prima. Proprio quando l'uomo sembra non voler comparire, tanto da vedere Nasten'ka avvicinarsi sempre più al sognatore, prefigurando un possibile lieto fine e un amore fra i due, ecco che il personaggio tanto atteso compare, portando via con se la ragazza. Al sognatore non rimarrà che il ricordo delle nottate in cui, sole, ha vissuto, e le lettere della donna che, ormai di un altro uomo, confida di volergli ancora bene e di desiderarlo ancora come amico.

Il romanzo è una radicale critica della figura del sognatore, tipica di tanto Romanticismo europeo. Il protagonista, privo di un nome proprio per la sua evanescenza, è del tutto incapace di vivere. Senza amici, non sa e non può sedurre e fare sua la donna amata, tanto da finire per aiutarla a divenire la donna di un altro. Nella sua idealità il protagonista non può essere che un perdente, sconfitto dalla vita e, in fondo, delegittimato e abbandonato dal suo stesso creatore.


Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…