Passa ai contenuti principali

Greta e Vanessa

foto: SkyTg24


Forse in pochi si ricordano di quando, era lo scorso secolo, Italiani partirono volontari per aiutare la resistenza contro un'altra dittatura nascente, quella di Francisco Franco. Quella dittatura che nasceva da una guerra civile riceveva il nostro soccorso ufficiale, il soccorso di una Italia fascista e di una Germania nazista. Le forze della resistenza, le forze repubblicane, ottennero aiuto finanziario e soccorsi militari solo dalla Russia di Stalin - certo, suona paradossale che uno dei più feroci dittatori della storia abbia lottato quasi da solo per la democrazia in Spagna - e da volontari che partivano da tutto il mondo.
I volontari, le forze repubblicane, furono sconfitti. La Spagna impiegò decenni per venire via da quella dittatura. Tutto ciò nel silenzio e nell'ignoranza della borghesia bene europea, che del sangue spagnolo non voleva sporcarsi le mani. I volontari erano folli, stupidi, dei visionari.

Certo, la storia non si ripete. Il paragone se vogliamo addirittura ci porta fuori strada ed è comunque tendenzioso. Ma ogni interpretazione dei fatti lo è.
Intanto qui abbiamo due ventenni, con più coglioni di molti cinquantenni che da dietro una scrivania sacramentano per il costo del loro riscatto, due ventenni che hanno deciso di schierarsi. Hanno sbagliato? Probabile. Hanno commesso un azzardo? Può darsi. In ogni rischio, in ogni scelta è presente la possibilità dell'errore. Intanto queste due ragazze si trovavano in Siria e fornivano kit medici a civili e a quello schieramento, composito, variegato e, anche, gestito da gruppi che noi consideriamo terroristi, che però lotta contro una dittatura. Dittatura che qualche scheletro nell'armadio ce l'ha, lo sappiamo tutti anche se oggi evitiamo di raccontarcelo, a partire dall'uso delle armi chimiche sulle minoranze etniche e sugli oppositori politici. Lo schieramento che queste ragazze hanno appoggiato è lo stesso schieramento che fino ad un anno fa tutti fortemente appoggiavamo, per moda, è evidente, perché l'odore delle primavere arabe ci aveva inebriato e di quell'odore di spezie e libertà ci piaceva riempirci la bocca, ci rendeva fighi, Poi sono arrivati i costi, i barconi, i migranti, e allora la Siria e i Siriani sono diventati luoghi e persone da evitare e di cui, se possibile, non parlare, Figuriamoci poi quando ci si sono messi i terroristi in casa nostra - ma queste ragazze non avevano di meglio da fare? -

Eppure, eppure c'è più civiltà occidentale in un mignolo di queste ragazze che in Siria si sono schierate per i ribelli contro una dittatura e che in Siria distribuivano kit medici - certo, con le foto su Facebook, sono ragazze del loro tempo - che in ognuno di voi piccoli borghesi che in questo gesto leggete la stupidità dei vent'anni e i 33 centesimi a testa che queste volontarie vi sono costate con il loro riscatto.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…