Passa ai contenuti principali

Il naufragio della Norman Atlantic e l'agghiacciante giornalismo di destra

Il Naufragio della Norman Atlantic avvenuto in questi giorni è stato, tra le altre cose, un'ottima palestra per il più becero giornalismo italiano. Tante cose si sono dette. Per esempio, come riporta Gad Lerner in questo articolo Libero non ha potuto esimersi dall'incolpare Matteo Renzi per le 11 vittime. Come se il Presidente del Consiglio fosse al comando della nave o fosse materialmente al comando delle operazioni di salvataggio. Ma se ancora queste accuse, anche se ingenerose, possono essere comprensibili pensando a Renzi come a colui che ha moralmente la responsabilità della guida degli apparati e delle istituzioni italiane, sono invece realmente imbarazzanti, xenfobe, islamofobe nonché infondate le considerazioni pubblicate su il Foglio nella Preghiera del 30 Dicembre. Nell'articolo sopracitato, riprendendo quanto dichiarato da alcuni passeggeri, si afferma che degli uomini, nel tentativo di fuga dalla nave, avrebbero colpito e calpestato delle donne. Da qui l'autore si scatena in una sequela di considerazioni, una più strampalata dell'altra, e come vedremo, infondate. Gli uomini erano sicuramente di origine musulmana, turca, siriana, irachena, etc.; quindi avrebbero colpito le donne perché figli di una cultura maschilista; indi sarebbe per noi un errore e una colpa permettere l'immigrazione di questi nella libera, laica e woman oriented Italia.
Ometto di fare notare come le accuse sul maltrattamento e la discriminazione delle donne rivolte alla cultura islamica provengano dallo stesso giornale che vorrebbe cancellare il diritto all'aborto, che ha da sempre favorito la differenza di trattamento nel rapporto di lavoro fra le donne e gli uomini e che ha legittimato e giustificato il puttanaio berlusconiano. La questione non è solo culturale, ma innanzi tutto di correttezza e onestà giornalistica. Perché sarebbe bastato andare a leggere la lista ufficiale dei passeggeri per evitare di dire una serie così impressionante di puttanate. La lista, la seguente, è stata pubblicata da La Stampa di Torino

 

          

Come si noterà la maggiorparte dei presenti sulla nave, compreso l'equipaggio, è di nazionalità europea, tra Italiani, Greci, etc., con un numero di passeggeri provenienti da paesi islamici realmente esiguo. Anche a voler considerare i possibili clandestini, dato ancora tutto da valutare, tutte le deduzioni de La Preghiera risultano completamente infondate, anche considerando come l'equipaggio abbia fortemente smentito questa notizia, parlando sì di panico, ma escludendo scene di violenza collettiva. 

Insomma, uno splendido ed ennesimo caso di malainformazione, tendenziosa, xenofoba e islamofoba di una serie di media che della paura del diverso si nutrono.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…