Passa ai contenuti principali

Tre miliardi che non sono tre miliardi, La7 e i 100.000 precari della scuola

Parlando della riforma che non c'è, quella della scuola, di cui tutti parlano ma di cui ancora non si sa nulla, anche una emittente in genere seria come La7 ieri ha dato dei numeri quanto meno approssimativi. Discutendo infatti della possibile assunzione a tempo indeterminato per 100.000 precari della scuola, l'emittente di Cairo nel suo telegiornale condotto dal bravissimo Mentana ha strombazzato un importo complessivo necessario di quanto meno 3 miliardi di Euro. Tanti, senza dubbio, però occorre capire di che stiamo parlando.

Quando parliamo di  100.000 precari della scuola, i cosiddetti precari storici, parliamo di gente che nella scuola già lavora, e con continuità. Una continuità tale, superiore ai 36 mesi di lavoro continuativo, per cui rischiamo già una multa dall'UE di 4 miliardi di Euro, senza che peraltro la multa risolva il problema.
Quando diciamo che questi precari lavorano con continuità intendiamo che nei loro confronti lo stato ha attuato un sopruso con la semplice finalità di risparmiare qualche lira: in pratica questi precari lavorano su posti effettivamente disponibili ogni anno, ma lo stato, da anni, anziché assumerli a tempo indeterminato, li assume con contratti che vanno dal primo Settembre al trenta Giugno, o al trentuno Agosto, in modo da non dover considerare i mesi estivi e gli scatti di anzianità.

Si tratta quindi di precari che già lavorano quanto meno 10 mesi all'anno, se non addirittra 12 mesi all'anno. Se è quindi corretto il calcolo che stima in 3 miliardi di Euro il fabbisogno per pagare gli stipendi di questi docenti, va detto che di questi 3 miliardi, 2 miliardi e mezzo vengono comunque già spesi per pagare i precari. E allora, non è più conveniente, oltre che più giusto, procedere a queste assunzioni su tutti i posti disponibili, anziché incorrere in una multa da 4 miliardi di Euro senza peraltro risolvere il problema?

foto: La7.it

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…