Passa ai contenuti principali

Come siamo arrivati fino a qui?

Ieri sera molti Italiani avranno sicuramente seguito Beppe Grillo ospite da Bruno Vespa. A mio parere abbiamo assistito ad un Grillo in difficoltà, molto di più che da Mentana, in particolare a causa dell'incalzare delle domande del conduttore. Ma non è questo il punto: ieri siamo stati inondati anche dai proclami di Renzi e Berlusconi, ma ciò che fa veramente impressione è il bassissimo livello di questa campagna elettorale e l'uso indiscriminato di offese, minacce e slogan fascisti. Andiamo dal buffone, al dittatore, alla peste rossa, all'ebetino, il coglione, il vaffanculo, e al riuso di immagini e parole che speravamo archiviate in una condanna storica condivisa. Come siamo arrivati fino a qui? Come mai nessuno ha realmente parlato d'Europa? Perché l'elezione europea per noi è semplice strumento della nostra perenne campagna elettorale per il controllo dei nostri miserabili posti di potere? Come mai qui da noi pressappochismo e semplificazione al limite della banalizzazione sono considerate tollerabili? Perché non sappiamo fare a meno del culto del capo e dell'uomo della provvidenza? Perché non sappiamo fare i conti con la nostra storia, ma sappiamo solamente mettere alla gogna tutti o dare il libera tutti, buttando sempre e comunque il bambino con i panni sporchi? Come mai è sempre colpa dell'Europa, della casta, dei giudici, dei giornalisti, e mai di chi le tangenti le paga, di chi non denuncia, di chi vota, di chi sottovaluta, di chi omette, di chi non si informa, di chi "sono tutti uguali", di chi "tutti a casa", di chi "taci o ti aspetto sotto casa con una spranga", di chi "occupare è un diritto", di chi "clandestino è reato", di chi vive di slogan perché un ragionamento compiuto è troppo impegnativo e rischia di mettere in luce che non siamo migliori di chi abbiamo scelto come nostre guide? Come mai in questo paese la responsabilità e l'irresponsabilità sono sempre collettive, mai individuali?

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…