Passa ai contenuti principali

A Salvini e Maroni, perché a dire ca$$ate siamo buoni tutti

Un commento veloce su quanto detto da Matteo Salvini, ripreso dal governatore della Lombardia Maroni, riguardo all'operazione Mare Nostrum e al salvataggio di 300 migranti.
In primis, quando si fa politica, come quando si fa informazione, la correttezza verso l'uditorio vorrebbe la massima precisione. E allora, anziché parlare di clandestini, i nostri dovrebbero correttamente parlare di migranti e rifugiati, dato che, dei 300 giunti nelle scorse ore in Sicilia, la gran parte provengono da una terra martoriata dalla guerra civile come la Siria.
In secondo luogo, quando Matteo Salvini parla dei costi dell'operazione, dovrebbe anche spiegare ai suoi elettori il perché del pattugliamento delle coste da parte della marina militare italiana. Allora diciamolo che siamo costretti a pattugliare perché impediamo ai migranti di giungere legalmente in Italia, un movimento naturale, dovuto a ragioni economiche, sociali e di semplice salvezza dalla guerra, che l'Italia, come pochi altri paesi in cui prevale un'ideologia xenofoba, tenta di impedire, di fatto facendo proliferare le mafie internazionali che questo movimento gestiscono. Per citare un dato concreto, ricordiamo che ad un Italiano il viaggio verso l'Africa costa poche centinaia di euro, ad un migrante il viaggio inverso svariate migliaia, pagate a scafisti, contrabbandieri e quant'altro. Non sarebbe più logico permettere il movimento delle persone gestendolo legalmente? O, come è politica della Lega Nord e, purtroppo, di tanti altri movimenti politici in Italia, dovremo sempre assistere ad una propaganda becera contro quei migranti che, pochi, rimangono in Italia mentre, nella maggior parte, vanno in paesi più civili o, semplicemente, attendono vicino ai confini della propria terra per poter tornare alle loro case e alle loro famiglie (basterebbe dare una lettura attenta ai dati forniti dalle organizzazioni internazionali per sapere che le cose stanno così). Ma sappiamo che Salvini non ci risponderà mai.
foto tratta dal giornale online Lettera43.it

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…