Passa ai contenuti principali

Lettera aperta ad Alessandro Di Battista

Buonasera, in un suo recente post lei ha parlato di dialogo, citando tra l'altro l'etimologia del termine per spiegare le buone intenzioni sue e del movimento a cui appartiene. Proprio in quel post però esce fuori, a mio parere, per carità, il grande limite attuale suo e del movimento. Lei parla di dialogo, dice che parla con altri parlamentari, come se si trattasse di qualcosa di eccezionale, quando si dovrebbe trattare del suo lavoro. Ma non è questo il punto: lei non accetta il "però", il "ma". Lei stesso afferma di diffidare di chi afferma il ma, il però, di fronte alle sue evidenze. Ci perdoni, ma noi siamo abituati a diffidare dal pensiero unico, i ma, i però sono per noi il sale della democrazia. Lei consce la storia greca, bene, si ricordi del dialogo fra gli Ateniesi e i Melii, di come tutta la dignità degli abitanti di quella piccola isola si risolva nei però che sanno affermare, in un dibattito, a chi vuole imporre la sua verità unica, la legge del più forte. Ecco, noi siamo a prescindere contro chi non accetta i però, a qualsiasi schieramento appartenga. Nello stesso post, dopo essersi scagliato contro gli altri parlamentari in maniera manichea, perché non accettano il fatto che avreste ragione, abilmente lei sminuisce la gravità di un atto, il bloccare fisicamente le attività delle commissioni. Peggiore ancora è il modo in cui ciò avviene: un atto di squadrismo bello e buono sarebbe nulla di fronte al fatto che non vi si dà ragione. Forse dovremmo ridiscutere con voi le regole del gioco, cosa sia la democrazia, cosa voglia dire non dover superare certi limiti. Forse dovremmo anche ricordare che il dire che gli altri sono peggiori di noi non ci giustifica nei mostrare poi il peggio di noi stessi. Non perché gli altri violino le regole allora tale diritto appartiene anche a noi. Riguardo alle espulsioni dei dissidenti all'interno del movimento, lei, se ricordo bene, ha parlato di una maggiore chiarezza interna: si chiama chiarezza l'imposizione di un pensiero unico senza diritto di critica? Cosa pensa lei delle nuove regole che vi sono state date da Beppe Grillo, secondo cui la rete potrà solo ratificare le sue decisioni? Cosa pensa del fatto che le multe che state sancendo contro la libertà di mandato sono incostituzionali e per tanto non valide? Come mai voi che dite di difendere la costituzione riguardo a questo punto tacete? Sa che fu il fascismo a vietare la libertà di mandato e che essa fu reintrodotta proprio per costringere i parlamentari a non abiurare alle proprie responsabilità nel momento delle decisioni e del voto in parlamento? Davvero crede che la stampa sia tutta, in toto, corrotta e venduta e che l'unico strumento di divulgazione oggettiva delle informazioni sia ad oggi un blog privato di cui non si conosce il fatturato e che è, tra l'altro, l'organo di partito di un movimento politico che annovera fra i suoi leader un imprenditore che è anche, tra l'altro, il gestore dello stesso blog? Se si fosse trattato di un altro movimento politico non avreste già parlato di conflitto d'interessi? Infine, davvero, davvero crede che Corrado Augias sia solamente invidioso di voi, un movimento che ad oggi non ha ancora realizzato nulla, o che invece, magari quelle critiche dell'intellettuale, magari anche contestabili, non possano nascere legittimamente, di fronte alle intemperanze che provengono da parte del vostro elettorato, dei vostri sostenitori sul web e di alcuni stessi fra i vostri parlamentari? Non la sfiora mai il dubbio che la verità non stia magari sempre nel mezzo fra le vostre idee e quelle altrui, ma non sia neanche un vostro unico possesso? Grazie mille per l'attenzione Sebastiano Cuffari
Posta un commento

Post popolari in questo blog

La comunicazione linguistica

La frase semplice in italiano (grammatica valenziale)