Passa ai contenuti principali

Un movimento democratico

Un movimento democratico discute al suo interno e non accetta aprioristicamente la visione del suo leader.
Un movimento democratico rende pubblico il suo statuto ai suoi iscritti e ai suoi simpatizzanti.
Un movimento democratico non millanta di non aver preso rimborsi pubblici quando in realtà non li ha presi semplicemente perché non gli spettavano non avendo organi elettivi.
Un movimento democratico prende le distanze dalla violenza, perché violenza è sinonimo di forza, e la forza bruta, delle maggioranze come delle minoranze, non ha nulla a che fare con la democrazia, né quella rappresentativa né quella diretta.
Un movimento democratico non richiama una Piazzale Loreto 2.0 per chi non la pensa allo stesso modo, non definisce dei coglioni o gente che si fa prendere per il culo chi legittimamente non la vede alla stessa maniera.
Un movimento democratico non dileggia gli organi elettivi altrui per scegliere i leader o rappresentanti di altri movimenti, soprattutto se poi non è capace di realizzarne di propri in maniera credibile.
Un movimento democratico non vanta come vittoria il successo di un candidato sindaco, salito al potere grazie ad una promessa che si sapeva già non realizzabile e che, infatti, non è stata realizzata.
Un movimento democratico non pretende di avere la verità in tasca, ma ragiona e discute con le ragioni altrui, pur possedendo le proprie.
Un movimento democratico non stila liste di proscrizione di giornalisti, di politici, di intellettuali, di funzionari pubblici.
Un movimento democratico non tollera sui propri canali di informazione la violenza verbale, le minacce di morte verso chi non condivide le sue opinioni o chi critica il movimento.
Un movimento democratico soprattutto, non si rifiuta di governare per aspettare di rimanere da solo sulle macerie di uno stato, né pretende per governare, pur non essendo maggioranza nel paese, di essere l'unica forza politica al governo.
Un movimento democratico non è nulla di tutto ciò, e chi vuole capire capisca, compresi coloro che più volte su questo blog mi hanno condannato a morte in nome di chissà quali tribunali popolari o mi hanno ingiuriato.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…