Passa ai contenuti principali

Nuovo inizio d'anno scolastico, ringraziamenti e speranze


Come ogni anno, eccomi nuovamente a cominciare tutto, di nuovo, da zero. Al sesto anno d'insegnamento, l'ottavo in cui metto piede a scuola per insegnare se contiamo il tirocinio durante la Specializzazione, cambio nuovamente colleghi, scuola, aula, cattedra e, soprattutto, alunni.
Questa volta tocca all'Istituto Tecnico Pacioli di Crema, scuola all'avanguardia nel campo dell'informatizzazione e della didattica digitale. Come si sa, trovo molto interessanti i risvolti che la didattica digitale può generare nella scuola, e così eccomi, purtroppo già stanco per mille motivi, ad affrontare questa nuova prova.

Non di meno mi trovo qui a ringraziare tutti i miei ex colleghi, sia quelli con cui sono andato d'accordo che quelli con cui mi sono scontrato: comunque vada, lavorare con loro è stata un'esperienza che mi ha fatto crescere.
Ringrazio chi, più o meno a scatola chiusa, l'anno scorso mi ha affidato la gestione di un progetto importante come Generazione Web, mi ha supportato e mi ha consigliato nei momenti di difficoltà o di sconforto.
Ringrazio poi le famiglie che hanno riposto fiducia nei miei insegnamenti e nei metodi, spesso non del tutto consoni, almeno per la scuola tradizionalista italiana, con cui conduco le mie lezioni.
Infine, e soprattutto, ringrazio i miei ex alunni che, tutti, si sono impegnati nel cercare di affrontare un anno scolastico di transizione, vuoi perché appena usciti dalle scuole medie, vuoi perché sempre più vicini agli esami di maturità, tutti costretti dalle mie manie informatiche e letterarie e dalla necessità ad avere a che fare con presentazioni in powerpoint o su prezi, mappe concettuali interattive, documenti condivisi, podcast, ebook e webzine.
A tutti, sia quelli che mi hanno fatto disperare per delle produzioni che talvolta rasentavano il comico o per la loro naturale disattenzione, sia a quelli che invece mi hanno sorpreso con il loro acume, la loro curiosità, il loro genio o anche solamente con la loro ironia, a tutti insomma auguro un nuovo e felice anno scolastico.
Posta un commento