Passa ai contenuti principali

Sulla condanna di Berlusconi


Ricapitolando il pensiero dei destri (dato che noi siamo sinistri), Berlusconi processato subiva una persecuzione, poco conta se i dubbi sulle sue ricchezze risalgano già agli anni 80, che sia l'uomo più ricco del paese, che molti suoi collaboratori siano stati condannati per le collusioni con la mafia, che fosse un piduista, che siano provate le sue frodi fiscali, le corruzioni che ha sfruttato a suo vantaggio, le frequentazioni al limite, se non oltre, della legge. 
Per i destri Berlusconi è immune da tutto ciò, in forza del suo carisma, delle illusioni che ha venduto e mai realizzato. Nessuno che ricordi la sua improvvida abolizione dell'ICI, causa dell'IMU che ha poi votato per volerlo poi abolire. Nessuno che ricordi le sue fandonie sul salvataggio dell'Alitalia, nessuno che ricordi l'appoggio a Marchionne nella sua incostituzionale politica antisindacale, nessuno che ricordi le mille leggi ad personam, i reati depenalizzati, le prescrizioni che non sono assoluzioni, i tagli alla scuola pubblica e alla sanità per favorire scuole e ospedali privati e cattolici; nessuno che ricordi la vicinanza ai dittatori, celebrati per il loro consenso, Ruby e la prostituzione minorile, la vicinanza a Craxi che da corruttore e corrotto diviene martire della libertà; nessuno che ricordi le cacciate dei giornalisti dalla RAI, la becera televisione delle sue reti, il continuo attacco alle funzioni della magistratura, del parlamento e del Presidente della Repubblica. Nessuno che ricordi vent'anni di alleanza con una forza omofoba e razzista, la mostruosa Bossi/Fini, finanche la depenalizzazione del falso in bilancio e del reato di banda armata.
Nessuno che ricordi che circa il 40% del debito pubblico italiano è stato creato durante i suoi governi e che, nel frattempo, il fatturato di Mediaset cresceva oltre il 100%. Nessuno che ricordi che i fondi UE dedicati al miglioramento delle reti internet in Italia sono stati girati dai suoi governi sul digitale terrestre, in favore delle sue aziende, persino regalandogli delle frequenze. Nessuno che ricordi che i fondi FAS per le aree sottosviluppate sono finiti nelle tasche della Lega e del PDL Campania, o di alleati come Micciché.
No, tutto ciò non conta, è che noi siamo comunisti e non capiamo, noi.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…