Passa ai contenuti principali

Cosa succede nel PD?

Matteo Renzi fa i capricci, come al solito, per cui vuole il congresso, ma solo quando dice lui, vuole le primarie, ma solo come dice lui, vuole essere segretario, ma solo se lo decide lui, e vuole essere il candidato Presidente del consiglio, ma solo perché lo dice lui. Insomma, il piccolo e antipaticissimo Berlusconcino del PD vuole la botte piena e la moglie ubriaca, senza per altro aver mai tratto le conseguenze per aver fatto bruciare la candidatura di Prodi a Presidente della Rpubblica. Nel frattempo rimaniamo anche in attesa di sapere come mai D'Alema, il suo peggior nemico, l'uomo da rottamare, sia improvvisamente diventato il suo miglior amico. Sarà mica che Renzi ha di nuovo il fatto di non essere altro che un astutissimo politico d'altri tempi?
Che poi diciamocelo, le Primarie aperte anche ai non iscritti sono una boiata che non si fa da nessuna parte, anche solamente per una questione di logica: l'elettore di un altro partito potrebbe venire a votare un candidato del PD non perché, come sostiene Renzi, lo potrebbe poi sostenere dopo, ma anche perché ritiene quel candidato un candidato debole che faciliti la vittoria del suo beniamino. Che so, metti caso che gli elettori del PDL venissero a votare Fassina anziché Renzi perché poi, contro Fassina, anche il peggior Alfano, per non dire Berlusconi, appare uno statista vero e vince facile? Che si fa?
Ah sì, giusto per la cronaca: Renzi ci smarona sulla storia dell'essere il Blair d'Italia. Ecco, giusto perché in Gran Bretagna se potessero cancellare dalla memoria gli anni della presidenza Blair lo farebbero, l'uomo dell'incondizionata alleanza con Bush Jr., a costo di mentire alla nazione sulle armi di distruzione di massa, l'uomo che ha spaccato la società inglese impoverendo i ceti più deboli, proseguendo, malgrado le apparenze, la politica della Tatcher. Già, la Tatcher, Il modello politico-economico di Silvio Berlusconi. Per intenderci.
Comunque il masochismo del PD lo riconosci dai dettagli, per esempio l'idea di adoperare Stefano "chiii??" Fassina come rivale di Renzi. Un uomo il cui carisma compete con quello delle pietre in una scarpa, capace di cambiare idea ogni tre o quattro minuti, perfetto per permettere ai big del partito di fingere, a vittoria avvenuta, la più smodata fedeltà a Renzi...tristezza...
Pensare che hanno a disposizione un cavallo di razza come Pippo Civati, riformatore vero, spacca abbastanza lo schermo, ha delle idee, comunica con il popolo anziché andare avanti a suon di proclami come Letta e Renzi: in pratica ti chiedi che cosa c'entri con il PD.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…