Passa ai contenuti principali

L'Onorevole Lombardi e i parlamentari di Non è la Rai

L'Onorevole Lombardi, passata alla cronaca perché scelta capogruppo del M5S, sembra, almeno da ciò che trapela e fa trapelare, un bel tipino. Per l'esattezza, una macchietta da filmetto di serie B, non so se avete presente, che ne so, la professorina saccente e in realtà ignorantella, la compagna di classe secchioncella in una classe di mediocri che spiccava fino all'arrivo del vero genio da un'altra scuola. Insomma, quel tipo lì.
Quel tipo di persone che non riesci a smuovere neanche di fronte all'evidenza, quelle persone per esempio che, pur essendo causa dello stallo politico come gli altri, accusano gli altri di essere Kasta, rigorosamente con la K perché sennò non fa figo, e intanto iniziano lentamente ma inesorabilmente ad adeguarsi.
Quel tipo di personaggio che in fondo nutre una sana attrazione per l'autoritarismo e che, quando può, rilascia dichiarazioni favorevoli al fascismo.
Quel tipo di personaggio che Grillo e Casaleggio non li metterebbero in discussione neanche se dicessero loro di organizzare un suicidio di massa a Montecitorio.
Quel tipo di personaggio che per non vere profanata la propria immagine è disposto a negare l'evidenza, e a preferire d'essere chiamato cittadino, anziché Onorevole.
Ma vede, Onorevole Lombardi, lei quel titolo se l'è guadagnato, l'ha voluto candidandosi, e ora se lo tiene, perché, lo sappia, i titoli in Italia si mantengono, anche dopo averli persi. Quindi sarà Onorevole a vita.
E forse non sa la nostra Onorevole Lombardi che l'essere un deputato con libertà di mandato è un diritto/dovere, perché presuppone la capacità di ragionare con la propria testa sulle singole leggi e sui singoli problemi, perché, anche questo forse non lo sa, in Italia la responsabilità delle azioni è personale.
Quindi l'Onorevole Lombardi scelga: se non desidera essere un Onorevole, allora si dimetta. Se invece lo desidera, lei assieme ai deputati di Non è la Rai guidati all'auricolare da Casaleggio, allora inizi a lavorare, innanzitutto cercando un accordo politico con quelle forze parlamentari che rappresentano il 75% di Italiani che un governo dei soli grillini non lo vogliono.
E magari ci vada pure ogni tanto a Ballarò per rendicontare quello che non fa in Parlamento, anche solo in segno di rispetto verso quel 40% di Italiani che non ha ancora un accesso alla linea ADSL.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…