Passa ai contenuti principali

Sulla scuola Mario Monti ha imparato da Berlusconi

La politica italiana dell'ultimo ventennio ci ha abituato ad una tecnica retorica ben precisa, ovvero l'arte dello spararla grossa, possibilmente una fandonia credibile, ma non esatta, che possa piacere ad una parte politica ben precisa ma che non sia per forza accettabile da tutti, e poi, visti i risultati, accreditare la fandonia come verità oppure ritrattarla con il più classico "sono stato frainteso".

È una tecnica nota, ci ricorda qualcuno, ma è triste assistere alla rapida trasformazione di una persona che aveva cominciato bene la sua azione di governo e che ritenevamo specchiata. Eppure Mario Monti già da un po' si avvale di questo sotterfugio per lanciare continui messaggi alle parti politiche che vuole conquistare/aizzare per proseguir la sua azione di governo anche durante la prossima legislatura.

Nello specifico, ieri sera su Rai3 abbiamo assistito alla solita fandonia, questa volta sul mondo della scuola, nell'attesa di giudicare le reazioni che ne seguiranno. Di cosa si parla? Nel corso della lunga intervista/monologo di Monti da Fazio, (che, per inciso, magari un giorno potrebbe anche imparare a fare da contraddittorio nei confronti dei personaggi che giungono al suo salotto e, se non lo sapesse fare, gli suggeriamo di guardare magari il Letterman Show su Rai5) il Presidente del Consiglio ha sostenuto che gli insegnanti si comportano come una casta in maniera conservatrice, portando come esempio il rifiuto di lavorare due ore in più alla settimana, cosa che avrebbe, a suo dire, migliorato la didattica.

Allora, che la classe docente si comporti come una corporazione è, in sé, un'asserzione che per sommi capi posso anche sottoscrivere. Del resto l'ho sostenuto io stesso in passato su questo stesso blog. Ciò che non funziona nel discorso di Monti sono proprio i dati che vengono citati, il tutto condito al solito dalla stucchevole retorica europeista del"è l'Europa che ce lo chiede".

Intanto le ore che il governo Monti e il ministro Profumo volevano imporre agli insegnanti erano sei e non due in più a settimana, variando un contratto già esistente senza consultazione dell'altra parte in causa (fandonia quindi e violazione della costituzione e delle norme sui contratti di lavoro, in pratica quanto basterebbe per ricorsi milionari da mandare sul lastrico, ancora una volta, lo stato). In secondo luogo non è affatto vero che l'aumento delle ore migliorerebbe la didattica, non per niente il numero di ore frontali dei docenti italiani sono esattamente nella media europea e quindi delle due l'una: o Profumo e Monti sono talmente geniali e ferrati nella didattica da saperne di più di tutti i pedagosti europei, o anche questa è una castroneria.

Purtroppo la casta dei docenti è anche una casta abituata a gridare poco, e così vedrete che questa congerie di bugie passerà nel silenzio, insinuandosi nell'opinione comune. Oppure, di fronte alle proteste, anche Monti potrà dire tronfio, sono stato frainteso.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…