Passa ai contenuti principali

Il metallaro e il negazionismo evolutivo

Reduce da una serata al Midian con i fidi compagni di sventura, ancora negli occhi l'imbarazzante immagine di una coppia alquanto improbabile, mi trovo tuttavia a riflettere su una questione antropologicamente disarmante: ovvero come la sotto categoria del genere umano, comunemente chiamata dei metallari, sembri negare le teorie evoluzionistiche.

Mi spiego: chi ha avuto e ha anche oggi a che fare con i metallari di ogni genere ed etnia, noterà una caratteristica costante, ovvero che i metallari non cambiano, da decenni rimangono così come mamma li ha fatti e gli anni ottanta e il trash metal li ha incoronati. Quasi imprigionati nella loro stessa immagine, i metallari sembrano bloccati in un'altra epoca, in un'altra generazione. Quasi come i sosia di Elvis Priesley o Little Tony.

Ancora come negli anni ottanta pogano a ritmo degli Iron maiden o degli AcDc, ancora indossano gli stessi giubbotti di jeans o le lunghe giacche di pelle, comunque ricoperti da enormi criniere di capelli sfibrati.


E la cosa più bella è che sono felici così, innocentemente Nerd senza neanche rendersene conto.

Sia lode ai metallari.



Posta un commento