Passa ai contenuti principali

Scarpe rosse

Scarpe rosse:

di Marilena Renda


Il mio lavoro di insegnante ha pochi piaceri. Uno di questi, lo ammetto, è dare vita alla scena che segue. Arriva sempre un giorno, di solito alla fine dell’anno scolastico, in cui decido di leggere alla classe Scarpette rosse, la mia fiaba preferita di Andersen. La prima volta che decisi di raccontarla le portavo proprio, le ballerine rosse (forse volevo inconsapevolmente incrementare l’effetto cruento). Dunque, quel giorno lessi la fiaba, e una bambina dal volto perfettamente innocente guardò il libro, poi guardò le mie scarpe ed esclamò, con aria di vero spavento: “Stai attenta, professoressa!”.


Questo per dire che da qualche anno a questa parte Scarpette rosse è la mia favola identitaria: mi identifico perfettamente in questa fiaba, e quasi solo in questa. La mia passione per questa storia ha un carattere maniaco ed esclusivo che per un certo periodo ha pressoché escluso che io potessi provare un interesse dello stesso genere per qualsiasi altra storia. Questa mia identificazione assomiglia alle convinzioni che ho formulato nel corso degli anni sulla mia natura e sul mio destino: incontrovertibili, a prova di esperienza, a volte incrollabili senza alcuna giustificazione. D’altra parte, non è così anche nelle fiabe? Per quale ragione una storia in cui una fanciulla si incapriccia di un paio di scarpe rosse e le indossa deve finire con un boia che le taglia i piedi? Non ha logica, eppure va bene così.


La fiaba inizia con una situazione di perfetta povertà in cui la fanciulla si sostenta a malapena ma c’è un principio femminile buono (la vecchia calzolaia) a darle il poco che le serve (le scarpe rosse goffe ma fatte a mano con i materiali a disposizione della vecchia). Una situazione di autarchia emotiva in cui il bisogno è sempre naturale, il corpo soffre per l’azione del vento e della pioggia, lo stomaco soffre la fame, ma esistono solo bisogni primari, che vengono soddisfatti in modo semplice e naturale, il desiderio è misura di se stesso e non si perde mai.


Tutto si ribalta (in questa fiaba di doppi opposti, o di personaggi che appaiono e ricompaiono all’improvviso, vagamente minacciosi, nella foresta o di fronte a una chiesa) allorché entra in scena la vecchia signora imponente e ricca; al desiderio-in sé subentra il desiderio fuori-di-sé, soddisfatto dall’esterno, dettato dal denaro. Non un vero desiderio, piuttosto una sua contraffazione commerciale. La situazione cambia di segno: alla povertà si sostituisce la ricchezza, e la fanciulla, abbacinata dal nuovo, dimentica ciò che le era proprio e trascura il desiderio che le somigliava tanto. Attratta dall’idea di una vita facile in cui siano gli altri a provvedere alle sue necessità accetta di seppellire le scarpe vecchie e di lasciare agli altri la cura di sé.


Ma gli altri conoscono i suoi desideri? La fanciulla, che vede il luccichio della bellezza nello specchio che riflette la sua immagine, si illude di sì, crede a chi promette cibi sopraffini, si affida al baluginio della ricchezza. Il desiderio delle scarpette rosse, che le si accende nel cuore fino a sopraffarla, la porta fuori di sé e la spinge alla coazione del movimento. Se non puoi fermarlo, però, non può essere un movimento buono. Da un lato all’altro del piccolo mondo della fanciulla rimbalzano figure maschili vagamente demoniache: il boia, il vecchio soldato con le stampelle e la barba rossa che le fa i complimenti cercando una complicità fuori dall’umano (non è sano, non ti fidare, direbbe la vocina interiore, se la fanciulla la potesse sentire); in un’altra versione c’è addirittura un vecchio calzolaio zoppo (anche qui, la vocina dovrebbe suggerirle: come può un calzolaio zoppo fare scarpe in cui si cammina senza farsi del male?).


Per il tormentato Andersen la dismisura era peccato, dannazione, promessa di morte. Avrà pensato, il rosso può portarmi fuori di me e dalla grazia e farmi perdere per sempre la strada e la ragione, tanto che alla fine del viaggio non troverò più niente di familiare. Eppure, cos’è familiare? Cosa posso sopportare? Fin dove mi posso spingere? Cosa mi può realmente uccidere? Il tintinnio delle scarpette diaboliche riporta per un attimo sulla tomba della vecchia signora, che nel frattempo è morta. E in effetti come non danzare sulla testa dei morti? Come non festeggiare l’esultanza di essere vivi? E chi non ha mai danzato sulla testa di un cadavere non sa cosa voglia dire la colpa (la gioia è fatta sempre di piccole stringhe rosse).


Quando usciamo fuori di noi per incontrare il desiderio degli altri pensiamo: sarò forte abbastanza da sopportarlo, non mi ucciderà, imparerò a sopportare il dolore semmai, perché è così che si fa. Sopporterò i segni rossi che mi fanno le scarpe nuove, perché ballare mi piace troppo, e di ballare non posso fare a meno. L’ultimo pensiero che pensano i piedi prima di essere separati dal corpo e andare in giro come lucertole tagliate a metà, è un pensiero di forza, un’illusione di forza. Solo che Andersen lo sapeva, che superato il limite che le nostre stesse mani hanno stabilito possiamo solo rimanere schiantati.



*****

Scarpe rosse


di Anne Sexton


traduzione di Marilena Renda


Abito nel cerchio

della città morta

e mi allaccio le scarpe rosse.

Tutto ciò che era calmo

è mio, l’orologio con la formica,

le dita dei piedi, allineate come cani,

il fornello, molto prima che bollisca il rospo,

il salotto, bianco d’inverno, molto prima delle mosche,

la cerva distesa sul muschio, molto prima della pallottola.

Mi allaccio le scarpe rosse.


Non sono mie.

Sono di mia madre.

Sua madre prima di lei

le lasciò come cimelio

ma le nascose come lettere vergognose.

La casa e la strada a cui appartengono

sono nascoste e le donne, anche le donne

sono nascoste.


Tutte quelle ragazze

che indossavano scarpe rosse

salirono su un treno che non si fermò.

Le stazioni fuggirono come spasimanti e non si fermarono.

Danzarono tutte come la trota all’amo.

Furono tutte ingannate.

Si strapparono le orecchie come spille da balia.

Le loro braccia si staccarono e diventarono cappelli.

Le loro teste rotolarono e cantarono per la strada.

E i loro piedi – o Dio, i loro piedi al mercato –

i loro piedi, due scarafaggi che corsero verso l’angolo

e poi danzarono orgogliosi.

La gente esclamava: sicuramente,

sicuramente sono meccanici, altrimenti…


Ma i piedi andarono avanti.

I piedi non si fermarono.

Tesi, come un cobra che ti vede.

Erano un elastico tirato,

erano isole durante un terremoto,

erano barche che si scontrano e affondano.

Tu e io non contavamo.

Non potevano ascoltare.

Non potevano fermarsi.

Quello che facevano era la danza della morte.


Quello che facevano li avrebbe ammazzati.




Qui l’originale.


*****

Altre fiabe


Azzurra D’Agostino, L’arte è una bestialità. Una lettura de “I musicanti di Brema”


Questo è un articolo pubblicato su Nazione Indiana in:

Scarpe rosse



Related posts:


  1. I folletti, il Natale e la poesia di Francesca Matteoni Sulla natura dei folletti le teorie sono...

  2. Inverni straordinari di Francesca Matteoni Questi sono i giorni amati dalla Renna...

  3. La tigre nella giungla di Marilena Renda - Mi sono svegliata che ti stavo...

  4. La natura dei poeti MONTE GIBERTO (FM)- DOMENICA 14 MARZO 2010, ore 10.30...

  5. Il bosco interiore. Festa della Ghiacciaia a Pistoia Domenica 6 luglio 2008 dalle ore 15.00 in poi...



Posta un commento