Passa ai contenuti principali

Il ragionamento economico ai tempi del principato di Domiziano

Foto: Wikipedia
Uno degli errori di prospettiva in cui imbatte spesso chi insegna, così come chi si interessa più in generale alla storia antica, è quello di applicare teorie e visioni moderne a civiltà che, per motivi storici, non potevano non solo conoscere, ma neanche concepire quelle teorie. Questo tipo di errore, per esempio, lo facciamo quando pensiamo di applicare le visioni economiche contemporanee alle società tradizionali (e viceversa). 

Allo studio delle fonti risulta infatti abbastanza evidente come nell'antichità esista una concezione molto vaga, comunque diversa dalla nostra, della teoria politica: i bilanci dello stato non erano conteggiati in maniera precisa e la stessa azione economica degli stati rispondeva più a interessi di carattere politico o morale che a ragionamenti di carattere economico.

Se guardiamo all’analisi dell’operato di un imperatore come Domiziano (Geraci G., 2017)⁠ possiamo osservare come numerosi provvedimenti di carattere economico possano indurre a fraintendere la prospettiva dell’operato di chi detiene il potere a Roma. Un esempio evidente ci viene proposto da Svetonio, raccontando l'azione di Domiziano in merito ad uno dei suoi editti più famosi, quello del 92 d . C. atto a regolamentare la coltivazione dei vigneti:
[2] ad summam quondam ubertatem uini, frumenti uero inopiam existimans nimiouinearum studio neglegi arua, edixit, ne quis in Italia nouellaret utque in prouinciisuineta succiderentur, relicta ubi plurimum dimidia parte; nec exequi remperseuerauit. (C. Suetonius Tranquillus, s.d.-b)⁠
[2]Un anno in cui il vino era abbondante, ma il grano scarseggiava, pensando che la coltivazione eccessiva della vigna facesse trascurare i campi, proibì di piantarne ancora in Italia e diede ordine di tagliare i vigneti delle province, lasciandone al massimo la metà; però non fece eseguire questo editto. («Svetonio - opere», s.d.)⁠

In questo caso l’intervento dell’imperatore trova una ragione in un giudizio di carattere morale: è ingiusto che in un anno di carestia, mentre manca da mangiare, ci sia abbondanza di vino. Certamente proprio Domiziano caratterizzò la propria azione politica con altri interventi di carattere economico, come la rivalutazione e la successiva svalutazione della moneta, riportata ai livelli neroniani di quantità del materiale prezioso (Ranucci, s.d.)⁠, o l’intervento sulle terre occupate già da età augustea (Mazzarino, 1984) e contro i delatori.⁠
subsiciua, quae diuisis per ueteranos agris carptimsuperfuerunt, ueteribus possessoribus ut usu capta concessit. fiscales calumniasmagna calumniantium poena repressit, ferebaturque uox eius: 'princeps quidelatores non castigat, irritat.' (C. Suetonius Tranquillus, s.d.)⁠
Dopo la divisione delle terre tra i veterani, erano rimasti, spezzettati, piccoli appezzamenti non attribuiti: li lasciò ai vecchi proprietari, per diritto di prescrizione. Represse le accuse di evasione fiscale, punendone rigorosamente gli autori, e di lui si citano queste parole: «Un principe che non castiga i delatori, li incoraggia.» («Svetonio - opere», s.d.)⁠

In entrambi i casi però è difficile dimostrare che questi atti, di per sé indice di una buona amministrazione, abbiano origine in una concreta teoria economica. Semmai il tentativo di trovare una soluzione sulla controversia della proprietà sembra piuttosto rientrare in un tentativo di mantenere lo status quo sociale e di garantirsi l’appoggio dei piccoli proprietari terrieri contro il senato, così come il punire i delatori appare come un tentativo di scoraggiare ogni forma di complotto. Del resto, poco dopo ancora Svetonio scriverà:
[2] quare pauidus semper atque anxius minimis etiam suspicionibus praetermodum commouebatur. ut edicti de excidendis uineis propositi gratiam faceret, non alia magis re compulsus creditur, quam quod sparsi libelli cum his uersibuserant: “κἄν με φάγῃς ἐπὶ ῥίζαν, ὅμως ἔτι καρποφορήσω,
ὅσσον ἐπισπεῖσαι σοί, τράγε, θυομένῳ. (C. Suetonius Tranquillus, s.d.-a)⁠
[2] Per questo, sempre timoroso e pieno di inquietudine, si impressionava oltre misura anche per i minimi sospetti. Fece revocare il suo editto già pubblicato, sul taglio delle vigne, unicamente perché, a quanto dicono, si erano diffusi alcuni biglietti contenenti questi versi: «Anche se mi divori fino alla radice, porterò sempre frutti sufficienti perché si facciano libagioni sulla tua testa, o capro, in occasione del tuo sacrificio.» («Svetonio - opere», s.d.)⁠
Anche in questo caso la cancellazione di una norma che, agli occhi di un moderno, poteva favorire l’economia della penisola italiana rendendo più facile la commercializzazione dei vini italiani lungo il bacino del Mediterraneo, in realtà nasce da una paura tutta di carattere politico e psicologico. Certamente in queste parole è evidente il riflesso della possibile stroncatura dell’età domizianea da parte di Svetonio (Atkinson-MacEwen, s.d.)⁠, tuttavia dall’insieme dei dati citati sembra di poter affermare chenell’opera dell’imperatore i giudizi di carattere politico e sociale prevalgono regolarmente su un chiaro meditato ragionamento di carattere economico. ⁠


BIBLIOGRAFIA
Atkinson-MacEwen, L. (s.d.). Suetonius’ Life of Domitian. Recuperato da https://www.academia.edu/34758125/Suetonius_Life_of_Domitian

C. Suetonius Tranquillus. (s.d.). De Vita Caesarum. Domitianus, chapter 14, section 2. Recuperato da http://www.perseus.tufts.edu/hopper/text?doc=Perseus%3Atext%3A1999.02.0061%3Alife%3Ddom.%3Achapter%3D14%3Asection%3D2

C. Suetonius Tranquillus. (s.d.). De Vita Caesarum. Domitianus, chapter 7, section 2. Recuperato da http://www.perseus.tufts.edu/hopper/text?doc=urn:cts:latinLit:phi1348.abo022.perseus-lat1:7.2

C. Suetonius Tranquillus. (s.d.). De Vita Caesarum. Domitianus, chapter 9, section 3. Recuperato da http://www.perseus.tufts.edu/hopper/text?doc=Perseus%3Atext%3A1999.02.0061%3Alife%3Ddom.%3Achapter%3D9%3Asection%3D3

Geraci G., M. A. (2017). Storia Romana. Mondadori.

Mazzarino, S. (1984). L’Impero romano. Biblioteca Universale Laterza.

Ranucci, S. (s.d.). La monetazione dei Flavi. Caratteri generali ed aspetti tipologici. La monetazione dei Flavi. Caratteri generali ed aspetti tipologici, in F. Coarelli (ed.), Divus Vespasianus. Il bimillenario dei Flavi, Roma 2009, 358-367. Recuperato da https://www.academia.edu/2124919/La_monetazione_dei_Flavi._Caratteri_generali_ed_aspetti_tipologici

Svetonio - opere. (s.d.). Recuperato 3 febbraio 2018, da http://www.progettovidio.it/svetonioopere.asp

Versione in PDF

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…

I cambiamenti alla prima prova dell'Esame di Stato sono una resa (e un capo d'accusa)

Il MIUR, con a capo il ministro Bussetti, ha pubblicato finalmente i cambiamenti apportati all'Esame di Stato, cambiamenti largamente anticipati e attesi, ma che ora possono essere realmente commentati nel merito.
Se ci concentriamo in particolare sulla prima prova, ne emergono spontanee delle considerazioni.


Tre cambiamenti colpiscono subito: l'aumento di numero delle tracce di analisi del testo e di quelle di ordine generale, al contrario la riduzione d'importanza del testo argomentativo e, infine, la sparizione del tema storico.
Se l'idea di dare importanza alle competenze legate all'analisi testuale risulta apprezzabile, costringendo, tra l'altro, i docenti di lettere a smettere l'antica pratica, quanto mai deleterea, di spiegare letteratura come un elenco di biografie d'autori accompagnate da qualche lettura antologica, invertendo invece l'ordine dei fattori, la contemporanea crescita delle tracce di ordine generale dà una sinistra indicazione …