Passa ai contenuti principali

I mali della scuola pubblica italiana, guardati dall'estero

Per leggere il resto della discussione, seguite il link

 Mike Flor scrive
May 13 2013: I'm from Italy. There are a lot of problems concerning education. As far as I can tell, the most compelling ones are:
1)Teachers. Their status is getting lower and lower. They receive one of the lowest salaries among developed countries, and they are often called "slackers" by a big part of the general population (often small entrepreneurs) and sometimes even by members of the governing body. If we want our professors to be motivated, this attitude must change.
-Complete lack of feedback. One of the things that emerged from Bill Gates and Ken Robinson's talk, is the fact that the best students come from countries where a feedback system has been implemented. Teachers watch each other's lessons, and then they suggest their colleagues what they should do to improve their performances with their students. Nothing of that sort exists here.
2)Study programmes. One day a Canadian friend of mine came over to visit me and he was just baffled to the amount of homework I have to endure. Italian school system makes its students spend much more time in school than other OCSE members, and the results are anyway poor, and they have gotten increasingly worse over the years according to PISA tests http://en.wikipedia.org/wiki/Programme_for_International_Student_Assessment. That is also because the students cannot really focus on important things to learn, so the often end up studying bad, or not studying at all.
3)Private schools. This is a real scourge. There are a lot of rich and incredibly lazy students who attend those schools, the only thing they have to do to pass is to pay their dues. This is incredibly unfair. Since you can also catch up with the years you have lost when you fail to pass in public school. In just one year you can catch up 3 years, and then you are back in your old classroom, with your old mates and the teachers who once flunked you.
4)Disastrous cutback. Billion of euros have been cut back in recent years. This has led to make everything even worse

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…