Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2012

Verso il 25 Aprile, oggi

Il punto della questione non è, oggi, se il Fascismo abbia governato bene o male il paese, certo prima della follia della Seconda Guerra Mondiale; il punto della questione non è neanche se le sue risposte al fallimento del liberismo, il crollo delle borse del 1929, se il suo corporativismo fosse la risposta corretta da dare, la mediazione di buon senso al di là della propaganda tra politiche ciecamente liberiste o marxiste.
Il punto vero sta nella contraddizione fra ogni regime e ogni democrazia. Il Fascismo può anche aver scelto delle vie condivisibili, ma lo ha fatto tramite la manipolazione dell'opinione dell'opinione pubblica e la negazione di ogni diritto e libertà. La democrazia d'altro lato, nell'uguaglianza nel voto di persone che non sono mai uguali per conoscenze e competenze, pretende anche la libertà di errore, la libertà di lasciarsi trascinare, sia verso scelte immotivate o eroismi assoluti, sia verso la follia, la dolce quiete della sudditanza, di una d…

Metropolis in tutte le salse

Metropolis, scritto da e diretto da Fritz Lang nel 1927, è sicuramente una pietra miliare nella storia del cinema di fantascienza: non per niente la pellicola è oggi protetta dall'UNESCO.
Con i suoi richiami biblici e la sua visione distopica del futuro prossimo della civiltà occidentale, questo film ha colto una delle possibili linee di evoluzione della società occidentale, europea in particolare, ben prima che Orwell e il suo Grande Fratello entrassero nell'immaginario collettivo. Così oggi come in passato ripercorrere le vicende della città di Metropolis può essere un utile esercizio per evitare le follie dell'uomo che, miope alle esigenze dei ceti deboli, predica solamente un arricchimento senza limiti nel miraggio di una potenza semidivina.

Inutile dire come questo film sia stato citato e ripescato varie volte dalla sua uscita. Celebre il video di Radio Ga Ga dei Queen in cui varie scene del film venivano riutilizzate per comporre la storia narrata nel video: la nasci…

Tenersi informati su tablet - i miei personalissimi gusti

Senza pretesa di completezza o di oggettività, oggi avevo voglia di parlarvi dei modi che adopero io per leggere i quotidiani online e in generale i vari blog che seguo. Per chi conosce un po' di linguaggio internettiano, sicuramente parlare di feed e aggregatori non sarà nulla di nuovo, ma magari urge un chiarimento per i neofiti: un aggregatore di feed non è altro che un programmino che permette di tenersi sempre aggiornati sulle notizie pubblicate dai propri siti preferiti, permettendo di leggere la notizia o il post desiato senza accedere per forza di cose alla homepage del quotidiano online o di qualsiasi altro sito ci interessi. Una funzione comoda quindi, perché spesso permette di scorrere i titoli delle notizie come fosse un indice, magari leggendo solo una breve introduzione, e scegliere così se accedere al sito oppure non perdere tempo sulla homepage cercando ciò che ci interessa fra decine di news di cui magari non ci frega nulla.

Da quando però sul mercato informatico …

Israele, Gerusalemme. Forse individuata la tomba di Giuseppe d’Arimatea?

Israele, Gerusalemme. Forse individuata la tomba di Giuseppe d’Arimatea?:

Presto il canale statunitense di Discovery Channel diffonderà un documentario che presenta la nuova scoperta del registra israelo-canadese Simcha Jacobovici, che sostenne di aver individuato il vero sepolcro di Gesù Cristo nell’area residenziale di Talpiot, fuori dalle mura della Città Santa. A ulteriore conferma di questa ipotesi, Jacobovici ritiene di aver scoperto nella stessa zona di Gerusalemme il sepolcro di Giuseppe d’Arimatea, colui che nei Vangeli inumò Cristo e che è protagonista della leggenda medievale del Santo Graal.
Nel quartiere di Talpiot sarebbe quindi scoppiato quello che il regista-archeologo definisce il “Big bang della cristianità”. Qui, nove anno fa ha trovato la presunta tomba di Giacomo, discepolo di Gesù, mentre nel 2007 sarebbe stato individuato il sepolcro di Gesù, dove riposerebbero anche una moglie e un figlio di Cristo, mai nominati dalla Bibbia. Il cortometraggio intitolato “La t…

Termini Imerese. SiciliAntica denuncia incuria e abbandono di graffiti preistorici

Termini Imerese. SiciliAntica denuncia incuria e abbandono di graffiti preistorici:

Parte dall’Associazione SiciliAntica la denuncia contro l’incuria e l’abbandono dei graffiti preistorici delriparo di Borgo Scuro, risalenti a 13 mila anni fa, che si trovano nell’interessante riparo di Borgo Scuro, un’area archeologica scoperta nel 1985, dove sono stati individuati frammenti di quarzite e selce con punte a dorso abbattuto, strumenti tipici del Paleolitico finale siciliano. Le incisioni lineari, tra le prime scoperte in Europa, sono state individuate dall’esperto di preistoria siciliana Giovanni Mannino che aveva ipotizzato la presenza di ulteriori graffiti lineari o figurati, da confermare con una successiva campagna di scavi.
Ma oggi il sito preistorico si trova in uno stato di totale incuria e di completo abbandono, scrive Alfonso Lo Cascio, della Presidenza regionale SiciliAntica, nella lettera inviata alla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Palermo e al Sindaco del …

Restiamo Umani 1 anno dalla morte di Vittorio Arrigoni

Massimo Gramellini - Che tempo che fa 14 04 2012

"la livella" Principe Antonio De Curtis (in arte TOTO')

La chiamata alle armi (per un'istruzione pubblica e laica)

Succede che certi comportamenti, usciti dalla porta principale, rientrino dalle finestre o dalle porte di servizio: così mentre il governo dei tecnici sembra (sarà poi vero?) sembra portato un po' di educazione e senso civico nel governo nazionale, non di meno a livello locale si tenta di far passare ancora il principio che il diritto è qualcosa di aleatorio. In particolare questo tentativo riguarda quei campi in cui interessi politici, economici e "religiosi" (nel senso peggiore del termine) si vanno a congiungere. Ovvero i diritti dei lavoratori e quelli dell'istruzione.Due norme su tutte stanno colpendo in questi giorni la scuola italiana: da un lato la norma di recente approvata dal consiglio regionale della Lombardia che dà il diritto alle scuole professionali regionali di chiamare autonomamente, in determinati casi, i loro docenti, senza avvalersi delle graduatorie; dall'altro lato il tentativo, da parte della regione Trentino Alto Adige, di avvalersi per …

West

L’aeroporto lo annoiava sempre, lo riempiva fino al midollo della sua aria condizionata e della sua umidità finta. I muri fin troppo bianchi, lindi, impersonali, gli ricordavano certe montagne che, all’orizzonte, sembravano sempre guardarlo distanti e silenziose, assolute.
Non sentiva parole quando si trovava in aeroporto: era un luogo silenzioso nel suo torpore, i continui richiami degli altoparlanti, gli annunci, non facevano che confermare il sonno dei presenti e le loro vite chiuse in gusci induriti dal tempo.
Nulla parlava di sé in quel luogo, anche quella volta che partiva per un viaggio di lavoro che lo avrebbe portato all’altro capo del ricco occidente, negli Stati Uniti di cui aveva visto tante immagini nei programmi televisivi che lo bombardavano dalla mattina alla sera.

A lavoro, una fabbrica, una delle ultime rimaste nella sua città, gli avevano detto semplicemente che doveva partire per un corso di aggiornamento. Lui non lavorava direttamente in catena di montaggio, lui …
RT @Linkiesta 500 euro al mese, ma è corsa al lavoro nei call center http://t.co/ivas1sJf via @linkiesta

Scorpions Always Somewhere Acoustic version

Tabucchi, o dell'impegno

Non sono un gran lettore di Tabucchi, pur avendo apprezzato quanto ho letto di questo scrittore: una cosa di lui mi colpiva, sia che lo trovassi nei suoi libri che nei suoi interventi sui giornali, ovvero l'impegno. Un uomo che, al contrario di molti nostri scrittori, viveva l'opera intellettuale come impegno civile. Non solo come testimonianza, ma come vigile opera di azione, di denuncia. Un uomo che per questo si è impegnato in battaglie politiche e civili, ha temuto per il suo paese. Non per niente Tabucchi è stato il più internazionale fra i nostri scrittori contemporanei, non per niente ha legato la sua scrittura alla vita di un paese, il Portogallo, così simile e così diverso da noi. Popoli di mare, ma da un lato la grandezza di un oceano, dall'atro i confini tutti da esplorare di un mare, e l'indescrivibile desiderio, incomprensibile, di tutti e due i popoli, di dominare e lasciarsi dominare, di essere sovrano e plebe ad un tempo. La cultura che nasce lì dove pi…

Incroci

Eccola, si avvicina, non so che fare.Da quando sono entrato in questo centro commerciale mi sono accorto che, ovunque io fossi, lei era lì. Se entravo in un negozio di scarpe, lei mi seguiva come un ombra, annusava i miei passi sgattaiolando fra i ripiani, incurante della mia accortezza.In principio in realtà non mi ero accorto di lei, avevo semplicemente deciso di fuggire l'afa della domenica pomeriggio passeggiando in quell'enorme scatolone blu, indorato da mille luci, giù in periferia. Mi avevano accolto le mille e più macchine che tutte in fila si districavano tra le strettoie e le rotonde nell'attesa di poter penetrare lo scatolone, la ricerca disperata di un parcheggio mentre in alto la luce del sole picchiava forte sulle carrozzerie delle auto.Estate, stagione da andare a mare, non certo rimanere da soli in città. Ma la crisi, il poco lavoro, tutti ci aveva costretti a non staccarci più di tanto dalle tristi abitudini invernali, tanto che quella domenica c'era …