Passa ai contenuti principali

Considerazioni e ringraziamenti sulle note di We Will Rock You'

Iniziamo l'anno con un po' di sana carica, quella carica che solo i Queen di We will rock you sanno dare. E iniziamo l'anno tirando un po' le somme degli anni passati. E allora cominciamo con il mandare a quel paese, nell'ordine:
le persone che non c'erano quando dovevano esserci;
le persone comparse e scomparse dalla mia vita a loro piacimento;
le persone che nella mia vita hanno deciso di non entrarci proprio.

Un sentito fanculo anche, nell'ordine:
agli amici che non hanno saputo trovare sfogo migliore per il loro non avere nulla da fare che inventarsi quello che potevano su di me;
agli amici che lo erano e lo sono alla LORO occorrenza;
alle persone che non trovano di meglio da fare che giudicarmi sulla base di non si sa quale superiorità morale e intellettuale;
alle persone che si sono inventate le più squallide scuse pur di giustificare le loro stronzate nei miei confronti;
alle persone che pur di mantenere la loro coscienza linda di fronte agli altri mi hanno scaricato le loro cazzate.
alle psicotiche che ho frequentato, sembra che io le attiri come una calamita;
alle persone banali e insignificanti che ho conosciuto nella mia vita e che non sono state altro che una perdita di tempo.

Passiamo alle note positive. Ringrazio di cuore innanzi tutto la mia famiglia, per il semplice fatto che malgrado me, esiste.
Ringrazio i miei amici che sopportano i miei deliri di onnipotenza e le mie depressioni, che leggono i miei scritti con amorevole dedizione, malgrado rompa loro le scatole con la frequenza con cui l'IRAN dice di voler distruggere Israele e viceversa.
Ringrazio poi i lettori di questo blog e i lettori del mio libro, mi raccomando, non smettete!
Ringrazio il proprietario del Decò di Nicolosi, i gestori dell'Eight Horses Pub a Belpasso e, soprattutto, il mitico Benedetto di Paternò; senza i loro alcolici e il loro cibo non avrei potuto trascorrere alcune delle serate più belle della mia vita.
Ringrazio gli amici di Cremona che mi hanno accolto nella mia ennesima avventura padana.
Ringrazio lo Zoccolo duro semplicemente perché sono delle persone fantastiche.

Insomma, note positive e negative, la vita insomma.



Post popolari in questo blog

La comunicazione linguistica