Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2011

Mimnermo, ἡμεῖς δ', οἷά τε φύλλα φύει πολυάνθεμος ὥρη

2.1ἡμεῖςδ', οἷάτεφύλλαφύειπολυάνθεμοςὥρη
 <ἔα>ρος, ὅτ'αἶψ'αὐγῆιςαὔξεταιἠελίου,
τοῖςἴκελοιπήχυιονἐπὶχρόνονἄνθεσινἥβης
τερπόμεθα, πρὸςθ<εῶ>νεἰδότεςοὔτεκακὸν
2.5οὔτ'ἀγαθόν· Κῆρεςδὲπαρεστήκασιμέλαιναι,
μὲνἔχουσατέλοςγήραοςἀργαλέου,
δ'ἑτέρηθανάτοιο· μίνυνθαδὲγίνεταιἥβης
καρπός, ὅσοντ'ἐπὶγῆνκίδναταιἠέλιος.
αὐτὰρἐπὴνδὴτοῦτοτέλοςπαραμείψεταιὥρης,
2.10αὐτίκαδὴτεθνάναιβέλτιονβίοτος·  
πολλὰγὰρἐνθυμῶικακὰγίνεται· ἄλλοτεοἶκος
τρυχοῦται, πενίηςδ'ἔργ'ὀδυνηρὰπέλει·
ἄλλοςδ'αὖπαίδωνἐπιδεύεται, ὧντεμάλιστα
ἱμείρωνκατὰγῆςἔρχεταιεἰςἈΐδην·2.15ἄλλοςνοῦσονἔχειθυμοφθόρον· οὐδέτίςἐστιν
ἀνθρώπωνὧιΖεὺςμὴκακὰπολλὰδιδοῖ.
Come le foglie che fa germogliare la stagione di primaveraricca di fiori, appena cominciano a crescere ai raggi del sole,noi, simili ad esse, per un tempo brevissimo godiamoi fiori della giovinezza, né il bene né il male conoscendodagli dèi. Oscure sono già vicine le Kere,l'una avendo il termine della penosa vecchiaia,l'altra della morte. Breve vi…

Come una storia - Sebastiano Valentino Cuffari

Juan Sebastian Anlachi è un uomo qualunque alle prese con le disavventure della vita ordinaria; soffre da qualche tempo di una frequente stanchezza, tanto da mettere a repentaglio il suo quieto vivere. La ricerca delle cause dei suoi problemi lo porta a mettere in luce una vita inattesa e parallela, fino ad essere coinvolto in un gioco folle di visioni, passioni e omicidi.
Come promesso la scorsa settimana, oggi ha visto finalmente la nascita il mio primo romanzo, Come una storia.
Il romanzo lo trovate a questo link al costo di 11€ euro più spese di spedizione.
Che dire: si tratta di un romanzo d'esordio, quindi spero mi potranno essere perdonate le sbavature e i veri propri difetti che sicuramente i lettori esperti troveranno. Lavoro su questo testo da circa due anni, nato da un'idea, l'impossibilità di conoscere realmente cose e persone e l'inconsistenza delle relazioni di causa-effetto.
Ci sono dentro un bel po' di cose, e se dovessi spiegare (cosa orrenda) come and…

Dream Theater - The Silent Man (Video)

Come una storia

Chi mi conosce sa che da un po' di tempo lavoro ad un romanzetto, Come una storia. Dopo un bel po' di prove e revisioni, ho alla fine deciso di pubblicarlo, attraverso un canale ancora non particolarmente diffuso in Italia, quello del self publisghing ovvero dell'auto pubblicazione senza contributo spese.
Se tutto andrà come spero, non appena mi arriveranno le copie che serviranno per adempiere gli obblighi burocratici, metterò in vendita il romanzo, così spero mi potrete fare conoscere la vostra opinione al riguardo.
Ne riparleremo settimana prossima insomma!

Il cimitero di Praga

Che Umberto Eco sia uno dei rari maestri della nostra narrativa contemporanea, è cosa nota. Che i tempi di scrittura delle sue opere siano lunghi in maniera proporzionale alla cura con cui l'autore trasfonde le sue conoscenze parola per parola, è altrettanto noto. Ma basta questo a rendere le sue opere memorabili?
Purtroppo no, o almeno, non sempre.
Ad esempio, è quanto accadde con la sua ultima creazione, Il cimitero di Praga, opera d'ingegno indubbiamente di mirabile fattura, a cui eppure manca il lume del genio. È come avere fra le mani una scultura prodotta da un bravissimo artigiano a cui manchi però l'estro dell'artista.
Con ordine. Il romanzo non è affatto un brutto scritto, anzi. Non appena si iniziano a legge le prime pagine si riconosce immediatamente l'Eco del Nome della rosa che gioca con la veridicità della storia e con la profondità delle parole. C'è nell'autore il tratto riconoscibilissimo del professore esperto del significato più profondo e …

Anima fragile di Vasco Rossi

E tu
chissà dove sei
anima fragile
che mi ascoltavi immobile
ma senza ridere.
E ora tu chissà
chissà dove sei
avrai trovato amore
o come me, cerchi soltanto d'avventure
perché non vuoi più piangere!
E la vita continua
anche senza di noi
che siamo lontano ormai
da tutte quelle situazioni che ci univano
da tutte quelle piccole emozioni che bastavano
da tutte quelle situazioni che non tornano mai!
Perché col tempo cambia tutto lo sai
cambiamo anche noi
e cambiamo anche noi
e cambiamo anche noi!
e cambiamo anche noi!

The Who, Behind Blue Eyes, with Lyrics, Roger Daltrey

Dell'amore

Per una volta scrivo di un argomento leggero, almeno per modo di dire. Perché poi è la ruota che fa girare il carro cieco che siamo tutti noi, quella cosa che per noi comuni mortali ancora riesce a dare un senso a giornate, mesi, anni che spesso di senso non ne hanno.
L'amore è la casa della retorica, dei luoghi comuni, del già detto, e forse davvero non c'è più nulla da dire su di esso.
Così già ne parlava AnacreonteῈρέω τε δηὖτε κοὐκ ἐρέω,
καὶ μαίνομαι κοὐ μαίνομαι.

Amo e non amo,
sono pazzo e non sono pazzo.
(Frammento 46, Gentili)
Passano le generazioni ma il mistero dell'amore, quell'emozione che vince uomini e donne, che li porta a perdere il senno, a desiderare con ogni forza e al di là di ogni logica la vicinanza di quella persona e solo quella, quel mistero continua a far sognare e disperare i cuori dei romantici e non solo. Anche gli individui più razionali, quelli che nei salotti piuttosto che nelle discussioni da bar sostengono di non credere nell'amore, che s…

Campo santo

Sebastiano Valentino Cuffari



Campo santo



E poi muori, e tutto cambia.
Perché giocoforza il tuo modo di rapportarti è diverso, diciamo un po' più passivo del solito. Indubbiamente cambiano anche i tuoi interessi, le passioni; hanno un che di eterno. Tutto ciò ovviamente se credi in una qualsiasi forma di aldilà, se no è tutto più facile: una grande varietà di ceneri e vermi, e poco altro.
Metti caso che poi abbiano ragione coloro che credono nella reincarnazione, ed hai fatto bingo; la solita storia con infinite varianti.

In poche parole, nulla è più vario della morte: una sola è la costante, si muore da soli. Sì certo, i pianti, le grida, le frasi sconnesse: ma poi quegli occhi e quelle labbra tornano ai loro baci e ai loro sguardi languidi, mentre tu rimani con il tuo non so che di immobile e scheletrico che, tuo malgrado, limita il tuo fascino.
La vita va avanti. Grazie al cazzo, per voi forse.
Dillo al mio cranio lucidato dai vermi, ai miei capelli nido di corvi. Per me non c&#…

Marina Berlusconi: "Esproprio e aggressione Non daremo un euro, andremo in Cassazione" - Repubblica.it

Marina Berlusconi: "Esproprio e aggressione Non daremo un euro, andremo in Cassazione" - Repubblica.it

Come sempre in questo paese, giunti alla sentenza, chi ha commesso reato si può anche permettere il lusso di diffamare e delegittimare la giustizia. Quando poi seil il Presidente del consiglio, un congiunto o un parente, questa è una regola. Perché è dal 2001 che sappiamo che Fininvest ha corrotto i giudici per divenire socio di maggioranza della Mondadori, sappiamo che Berlusconi è stato prescritto, non assolto come si continua a dire dalle sue parti. Eppure, quando viene condannato ad un risarcimento, il suo enturage ha anche il coraggio di definirlo un esproprio, un furto.
Qui gli unici ladri siete voi, non solo del denaro pubblico di cui fate incetta da quando state allegramente al governo; siete i ladri anche del tempo e della dignità di questo paese. Quando lascerete le redini del governo dell'Italia, in qualsiasi cirocstanza accada, sarà stato sempre troppo tardi

Voci varie dal consiglio dei ministri sulla norma salva fininvest

"Di questa norma non c'è stata discussione approfondita in consiglio dei ministri. Se capisco bene è una norma di ordine generale e non particolare che recepisce un principio che già esiste nel codice civile. In questo senso non c'è alcun intento ad personam"."E' una norma equilibrata che dà certezza e tutela tutte le parti"."Ma io non sono un ministro: sono una marionetta, ia ia oh!"

Travaglio su Maroni

Secondo voi quale autorevolezza può avere questa parodia di bava beccaris che è il ministrucolo Maroni nel denunciare le violenze contro la Polizia quando lui è stato condannato in via definitiva, è un pregiudicato per violenze ai danni della Polizia? Maroni è pregiudicato esattamente per gli stessi reati per cui gran parte dei manifestanti vengono incriminati e cioè resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale per avere messo le mani addosso a dei poliziotti che non erano andati lì a menarlo o a buttargli i lacrimogeni mandati da un governo ostile, erano poliziotti che tranquilli e sereni stavano svolgendo una perquisizione in alcuni uffici della sede centrale della Lega Nord in Via Bellerio a Milano, perché? Perché la Lega Nord aveva organizzato una formazione paramilitare vietata dal Codice Penale e dalla Costituzione italiana allo scopo di costituirsi un esercito privato, le Camice verdi, la guardia nazionale padana e c’erano intercettazioni in cui si parlava da Bossi in giù, di mo…

Battaglia per la TAV

Da mezzagiornata seguo su Twitter gli avvenimenti della Val di Susa. Non ho preso parte alle lotte sulla TAV perché al riguardo non ho un'idea precisa, non sono abbastanza informato per esprimermi. Ma una cosa è certa: l'uso dell'informazione che è sempre stato fatto dai regimi, nell'epoca di Internet, non regge più. Mentre scrivo le forze dell'ordine accusano i manifestanti dei roghi scoppiati nei boschi; peccato che da ore chi segue twitter legge come i manifestanti stessi annunciavano i roghi scoppiati dopo i lacrimogeni dei poliziotti, prontamente spenti dai Notav. Qualcosa non può più quadrare, non almeno come eravamo abituati. Che si sia contro o a favore, qui non ci si può più prendere in giro con la storia dei black block, dei manifestanti brutti e cattivi. Tanti video su youtube hanno già mostrato come siano andati realmente i fatti. E in tutto questo, dileggiare chi si batte per idee condivisibili o no, è quella la vera inciviltà.