Passa ai contenuti principali

La scuola italiana non piace ai nostri ragazzi

La scuola italiana non piace ai nostri ragazzi:

Quando entro in classe il primo giorno di scuola spiego sempre ai ragazzi che cercherò di fare lezione facendoli divertire. Non amo vedere i musi lunghi al suono della campanella e pensare che i miei allievi al mattino si alzano sbuffando.


In questi giorni la Fondazione Giovanni Agnelli ha presentato il Rapporto sulla scuola 2011 che quest’anno è centrato sulla crisi della scuola media. Una fotografia oggettiva e preoccupante dell’istruzione. Un dato sul quale riflettere è che la scuola italiana non piace ai ragazzi. Pur non differenziandosi in modo rilevante dai loro coetanei europei, i preadolescenti italiani dichiarano di amare meno la scuola. A 11 anni il gradimento dichiarato è già più basso di quello dei ragazzi tedeschi, inglesi o francesi. A 13 anni, si rileva un calo di entusiasmo generalizzato in tutti i paesi, ma in Italia questo sembra essere più pronunciato e coinvolgere in modo analogo ragazzi e ragazze.


Ma non basta lanciare il campanello d’allarme sulla scuola media. Bisogna andare a vedere le cause. Bisogna “indagare” come stanno i bambini in quinta elementare. Anzi in quarta, terza, seconda elementare. Alla scuola materna. Ai bambini non piace venire a scuola. Spesso gli insegnanti fanno passare un solo messaggio: studiare è solo sacrificio, solo impegno. Eppure dovrebbe essere anche piacere. Gli insegnanti dovrebbero passare l’idea del gusto del sapere. Ma cosa non attrae i nostri ragazzini?


All’inizio dell’anno in una classe quarta ho chiesto: cosa non vi piace della scuola? Tutti o quasi mi hanno risposto: “La mia classe”. Lo storico maestro Mario Lodi, autore del famoso “Cipi”, mi ricordava che “La scuola dev’essere la seconda casa del bambino. Noi dobbiamo sentire l’aula come la nostra seconda casa, dobbiamo volerle bene e quindi difenderla da chi la vuole distruggere. Così noi diventiamo patrioti della democrazia” .

Oggi la scuola non è la seconda casa dei nostri ragazzini. A casa i nostri ragazzi utilizzano internet, Facebook, scaricano la musica, i film dalla rete. A scuola non hanno computer in rete, hanno docenti che spesso non sanno usare la rete e non la fanno usare. A casa i nostri bambini ascoltano Lady Gaga, a scuola i programmi scolastici sono lontani mille miglia dai gusti dei ragazzini e spesso non tengono conto delle loro esperienze. Un anno ho lavorato con i miei ragazzi su De Andrè: siamo stati a Genova a vedere la mostra interattiva a lui dedicata. Ecco la scuola del piacere, quella che appassiona, quella che non è solo nozionismo: la scuola dove si impara divertendosi.

Posta un commento