Passa ai contenuti principali

La Primavera Araba non è la Rivoluzione Francese

Non so, forse abbiamo sbagliato tutti, forse per noi occidentali che viviamo in stati laici o presunti tali da ormai quasi duecento anni, comprendere quanto sta accadendo nei paesi arabi è davvero difficile.
Questa riflessione nasce dagli scontri riaccesisi a Piazza Tahrir, al Cairo, in Egitto. Scontri nati da delle motivazioni ben precise che però noi facciamo fatica a comprendere.
Semplificando molto si è detto che gli scontri e la nuova sommossa derivino da legittime proteste contra la giunta militare. Ma contro cosa si protesta precisamente? 
In realtà chi è sceso in piazza, guidato dai Fratelli Musulmani protesta contro alcune norme approvate dalla giunta militare in previsione delle imminenti elezioni, che si terranno alla fine del mese. Quali norme? Innanzi tutto la giunta aveva previsto che la costituzione da approvarsi dichiarasse esplicitamente l'Egitto una repubblica civile sottintendendo in questo modo l'assoluta laicità dello stato. Questa definizione, sgradita al futuro partito di maggioranza, è stata soppressa in favore di una più neutra definizione di repubblica democratica. Il problema quindi risiede nella natura stessa dello stato egiziano. Di fatto l'azione della giunta militare si spiega con la recente vittoria in Tunisia del partito islamico: così come in Turchia, in Egitto è ancora aperta la questione della laicità dello stato, caratteristica di cui, a quanto pare, solo la giunta militare intende farsi carico. 
Altro motivo delle proteste, agli occhi occidentali molto più condivisibile, sta nella pretesa da parte della giunta di poter scegliere i cento padri costituenti, proposta quanto mai inopportuna all'alba di una nuova democrazia.
In tutto ciò si evince comunque come quel passo che fu fondamentale per la storia dell'occidente, l'aver istituito un confine inderogabile fra natura laica dello stato e fedi religiose, sia ancora lungi dall'esser compiuto nei paesi arabi. Ovvero la ricerca di democrazia in questi stati non coincide con la ricerca di laicità.
L'indignazione di Wall Street, delle piazze madrilene, dei festanti davanti a palazzo Chigi alle dimissioni di Berlusconi è quindi qualcosa di ben diverso rispetto a quanto accade a pochi chilometri dalle nostre coste. 
Forse noi tutti, nella sbornia dei globalizzazione della rete, siamo andati a confondere processi storici apparentemente simili, ma nella realtà profondamente diversi. E questo dovrebbe insegnarci qualcosa, o meglio ancora, ricordarci che la storia non è mai uguale a se stessa, che gli avvenimenti non si ripetono e da questo dovremo imparare a tenerci ben distanti dalle facili generalizzazioni e dalle demagogie che da ogni angolo si affacciano sulla nostra opinione pubblica.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…