Passa ai contenuti principali

Se twitter si occupa di letteratura e diffonde il sapere

Ne ho già parlato ieri, ma mi sembra giusto tornarci su. Capita ormai di frequente che i social network, uno in particolare in realtà, divengano luogo di scambio di opinioni anche di alto livello. Vale anche per quanto riguarda il panorama letterario, incredibilmente anche quello nostrano.
Così, sebbene il mercato asfittico dia poco slancio alla voglia di innovare delle case editrici, può capitare che dei piccoli casi letterari nascano in rete o che si accendano dibattiti anche molto interessanti. Come è capitato ieri, quando grazie a Riotta e al suo hashtag #sopravvalutati su twitter si è discusso, anche con competenza, sia di narrativa e letteratura contemporanea che di letteratura in genere.
Certamente fra i vari tweet si sono succeduti anche luoghi comuni e banalità, spesso il gusto personale (come è giusto del resto) ha preso il posto di una vera analisi critica, ma non di meno, come riportato da booksblog, si è anche assistito ad una riscrittura sociale del canone letterario, al di là di ogni formalismo delle accademie. Si tratta di un nuovo fenomeno che sempre più dovremo affrontare, la dimensione sociale e condivisa della nostra realtà globalizzata, in cui le notizie e le informazioni possono esere calate dall'alto solo grazie ad un'autorità e ad un'autorevolezza che provengano da una investitura dal basso. Pr carità, anche questa forma di democratizzazione del sapere ha i suoi rischi, innanzi tutto nella demagogia dei capi popolo, ma "rischia" pure di essere capace di costruire da sola i suoi anticorpi.
Lo ribadisco, la dimensione sociale del sapere e delle informazioni, pur con le sue illusioni e incomprensioni, come nel caso dell'occidente e della primavera araba, o più banalmente nel caso del valore letterario di una o più opere, è comunque il nostro nuovo orizzonte. Dovremo tutti abituarci a discutere, sempre più in maniera sintetica forse, con nuovi e rinnovati strumenti rotorici, ma nell'ottica delle idee che mai come in questa generazione si è sperimentato un sapere così capillarmente diffuso e condiviso.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…