Passa ai contenuti principali

Morire sempre per gli stessi motivi

Strano paese il nostro, forse folle, sicuramente immaturo. Vantiamo la nostra tecnica, la nostra arte la nostra cultura, eppure non siamo neanche capaci di gestire le consuete, ricorrenti con ritmo costante, emergenze. Ogni anno siamo allagati, alluvionati. Ogni anno vestiamo i colori del lutto, piangiamo i nostri morti, lamentiamo le cattive gestioni. E poi basta. Poi lasciamo che gli stessi incompetenti rimangano dove stavano, lasciamo che nessuno paghi.
Anzi lasciamo che questo sia il nostro sistema, il nostro modo di vivere e pensare.
Perché noi siamo il paese in cui la furbizia è un valore più quotato di impegno, studio, dedizione e competenza.
Da noi vince chi rottama, chi è l'anti politica, l'anti sistema. Da noi vince chi si propone non come il più bravo, ma come il più nuovo.
Da noi studiare è un privilegio, qualcosa di cui neanche c'è da vantarsi, tanto non serve. Siamo il paese dei grandi fratelli, dove i prestigiatori mediatici possono spacciarsi per guru della politica. Siamo il paese dei Berlusconi, dei Renzi, dei Gori, dei Saviano, tutta gente che anziché fare il suo mestiere noi scegliamo caparbiamente che stiano in posti che non spettano loro, perché sono il nuovo che avanza, e poco importa se non capiscono un cazzo di quello che dicono, sono l'anti sistema, e a noi piace.
Però almeno vi chiedo la cortesia, l'anno prossimo, a novembre, quando l'ennesimo alluvione colpirà il nord, oppure quando il prossimo terremoto devasterà il sud, smettiamola con la pagliacciata del nostro piagnisteo, perché davvero siamo artefici del nostro destino.

Post popolari in questo blog

Sulla violenza a scuola, sul classismo e sulle retrotopie

Sulla questione bullismo e insegnanti: fino a questa mattina lamentavo che tutti, ma proprio tutti, hanno parlato della questione senza mai interpellare la categoria (per dire, ecco una carrellata incompleta di articoli e opinioni di giornalisti vari ed eventuali: AGI, Amabile su La Stampa, Imarisio sul Corriere, Polito, ancora sul Corriere, Di Stefano, sempre sul Corriere, persino gente senza arte né parte come Lambrenedetto su Youtube si sono sentiti di dover dire la loro, infine Serra sul Corriere)




Poi sui forum e tra i gruppi della categoria ha iniziato a circolare una vignetta, che non riporterò, raffigurante un presunto insegnante d'altri tempi che rifila uno scappellotto ad un alunno, infallibile metodo educativo, e ho iniziato a pensare che forse hanno ragione i bulli, siccome so che la violenza di un bullo colpisce a scuola specialmente chi è ritenuto inadeguato al contesto, ecco, certi docenti non sono adeguati al contesto (tra l'altro stanno in compagnia di Sallusti…

Saggio breve: D'Annunzio, una vita per la bellezza

D’Annunzio, la vita per la bellezza



Sin dalla pubblicazione delle sue prime opere, Gabriele D’Annunzio è sempre stato capace di destare meraviglia, stupore e scandalo, tanto da crearsi addosso una patina di invidia e di rancori dura a sparire. Questi sentimenti di malcelato disprezzo nei confronti di questo autore trovano spesso una ragione ancora più forte di esistere nella scelta di aderire alle idee del Fascismo. Nondimeno Gabriele D’Annunzio è uomo del suo tempo: vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, l’autore è attore e artefice di quelle che sono le idee diffuse tra gli intellettuali del suo tempo, quel variegato sistema di idee e paure che viene chiamato Decadentismo.


Per i motivi sopra elencati, riguardo all'opera di Gabriele Rapagnetta, in arte D'Annunzio, è da tempo aperto un controverso dibattito. In sostanza, la questione che si pone è la seguente: quello dannunziano è reale Estetismo?

Al riguardo, con questo saggio verrà sostenunta una tesi ben precisa, ovv…